Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Si azzoppa l'ospedale di Castelfranco ma non lo si ammette": i cittadini contro il consigliere regionale Gerolimetto

Tutto pronto per la manifestazione in piazza prevista per domenica in piazza Giorgione

 

"In un video, ecco come smentiamo e smontiamo le ennesime surreali dichiarazioni e i fantasiosi numeri del consigliere regionale Gerolimetto! Altro che crescita, gli amministratori hanno dimenticato Castelfranco!": a dirlo è il movimento "Difendiamo il nostro ospedale - Castelfranco Veneto" a seuito delle ultime dichiarazioni di Gerolimetto nelle quali dichiarava "che è ora di finirla con gli allarmismi perché i posti letto del San Giacomo aumentano". "Ben 131 posti letto cancellati, 10 reparti sottratti all'ospedale di territorio e trasferiti all'Istituto oncologico veneto di Padova, un Pronto soccorso da 40 mila accessi annui a rischio collasso, un ospedale di comunità promesso da anni e non ancora realizzato, decine di migliaia di prestazioni non oncologiche senza più un reparto di riferimento che possa fornirle! E' questo il destino di Castelfranco Veneto nel piano che la Regione ha voluto e che l'amministrazione comunale ha accettato e clamorosamente difeso! Ma i cittadini non staranno a guardare. Tutti in piazza domenica 5 maggio alle 16!" chiosa però l'associazione

"No al contentino inutile di 20 posti letto provvisori per la Chirurgia. No alla cessione in blocco all'Istituto oncologico veneto dei reparti di Chirurgia, Anestesia e Rianimazione, Radiologia, Gastroenterologia, Ematologia, Urologia, Lungodegenza, Ortopedia e Traumatologia e di una parte della Terapia Intensiva. No alla perdita di decine di migliaia di prestazioni non oncologiche essenziali a una popolazione di 240 mila utenti. Si invece alla sanità di territorio che si fa con reparti, servizi e posti letto. Sì all'ospedale pubblico la cui enorme e funzionale struttura è in grado di ospitare lo IOV nei piani vuoti, senza il bisogno di tagliare alcun servizio".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento