Rotary e "Per Mio Figlio" Onlus donano 30 mila euro alla neonatologia del Ca' Foncello

Il ricavato dello spettacolo "Rockquiem" permetterà l'acquisto di uno strumento per la diagnosi precoce della retinopatia del neonato...

 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Uno spettacolo che è diventato due per soddisfare le moltissime richieste di biglietti; centocinquanta ragazzi in scena che sono diventati quasi duecento; l’idea di un club Rotary che ha “contagiato” soci, amici e istituzioni. E un assegno che è diventato grande oltre ogni più felice aspettativa.

Si può sintetizzare così il successo dello spettacolo ROCKQUIEM andato in scena al Teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso nel novembre scorso, promosso dal Rotary Club Treviso Terraglio e che ha coinvolto anche gli altri club trevigiani e il Distretto Rotary 2060 di cui tutti fanno parte. Un progetto realizzato con l’Associazione “Per Mio Figlio”, un grande impegno corale che ha raccolto trentamila euro destinati all’Unità di Patologia Neonatale dell’Ospedale Regionale Ca’ Foncello di Treviso, tramite l’Associazione per mio Figlio, per l’acquisto di un complesso strumento (“Retcam 3”) idoneo alla diagnosi precoce della retinopatia del neonato,  grave patologia che colpisce circa il 10% dei bambini nati prima del termine, e al monitoraggio dei risultati della terapia chirurgica.

La forza inesauribile del Requiem di Mozart, l’incisività della sua “versione rock” e l’autorevole bacchetta di Elisabetta Maschio alla testa di quasi duecento ragazzi in scena (l'Orchestra Giovanile di Treviso e del Veneto La Réjouissance e la sua rock band, con i cori Note Innate, Growin’up Singers e Amazing Gospel Choir) hanno richiamato oltre milleduecento persone al Teatro Comunale di Treviso, grazie anche alla capacità dei Rotary, Rotaract e Interact Club di appassionare al progetto molti donatori volontari e anonimi, nonché le aziende Abruzzo Energie, Banca Generali  Private Banking, Colorificio S. Marco, Dante Negro, Dieffebi, General Admixtures, Goppion Caffè, Gruppo Fiorini, ImputLevel e Omega Distribuzione che hanno offerto un generoso e concreto sostegno all’iniziativa. Rilevanti, poi, sono stati gli apporti di Asolo Musica-Veneto Musica che ha perfezionato ogni dettaglio dell’iniziativa, patrocinata da Ulss 2 Marca Trevigiana e dal Comune di Treviso, che ha anche offerto l’ospitalità al Teatro Comunale Mario Del Monaco.

Spiega il presidente del Rotary Club Treviso Terraglio, Stefano Milani: «Siamo molto soddisfatti, oltre che orgogliosi, di questo nostro “service”, come vengono definiti i progetti attraverso i quali il Rotary concretizza il suo imperativo di “servire al di sopra di ogni interesse personale”. Con Rockquiem non solo abbiamo offerto l’occasione di partecipare ad uno straordinario spettacolo, coinvolgente ed emozionante, per un altissimo scopo benefico: l’entusiasmo e l’impegno dei nostri soci, anche e soprattutto dei giovani di Rotaract e Interact, si è espresso in tutte le fasi del progetto, dall’ideazione alla progettazione, dalla ricerca di sponsorizzazioni ai rapporti istituzionali. Un gruppo energico e ben affiatato, capeggiato dal nostro infaticabile socio avv. Giorgio Pellegrino, ha saputo creare un evento grandioso, sia per la quantità di persone coinvolte, sia per la qualità dell’impegno espresso: un’esperienza che ha esaltato lo spirito rotariano di ciascuno di noi. E che oggi si perfeziona con la donazione di ben trentamila euro per contribuire all’acquisto di un’apparecchiatura medica importante per i bambini di Treviso e non solo».

«La collaborazione col volontariato ed il mondo dei service – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca Trevigiana – si conferma un pilastro della nostra azienda sanitaria. Il successo del concerto organizzato da Rotary Terraglio è solo un’ulteriore conferma perché ci viene messa a disposizione una considerevole parte dell’investimento che andremo a sostenere con l’acquisto del Retcam 3. Ancora una volta, i nostri più piccoli pazienti potranno avere a disposizione delle loro esigenze cliniche una sofisticata e preziosa attrezzatura di ultima generazione. Non posso che ringraziare il Rotary Club Treviso Terraglio per essere al nostro fianco e l’Associazione per mio Figlio che continua ad essere il catalizzatore di così tante energie”.

I PROTAGONISTI

Il Rotary è un’associazione mondiale di imprenditori e professionisti, di entrambi i sessi, che prestano servizio umanitario, che incoraggiano il rispetto di elevati principi etici nell’esercizio di ogni professione e che si impegnano a costruire un mondo di amicizia e di pace. Il Rotary ha una storia che risale al 1905, ha statuti e regolamenti e s’impegna in molte attività. Ha strutture, Presidenze, Distretti. Il tutto è molto articolato e persino complesso, ma al di là di questo che pur gli dà sostanza e forza, il Rotary è soprattutto Amicizia e Servizio. I Club Trevigiani e i loro club giovanili Rotaract (under 30) e Interact (under 18) appartengono al Distretto Rotary 2060, che aderisce anch’esso all’iniziativa. www.rotary2060.org

L’orchestra giovanile “La Réjouissance” nasce nel 1997 su iniziativa di alcuni genitori e progressivamente si arricchisce di nuove presenze fino alla configurazione attuale di orchestra sinfonica, comprendente tutti gli strumenti. E’ composta da circa 100 giovani tra 10 e 20 anni, provenienti da molteplici esperienze musicali: Conservatori di Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna, scuole musicali ed insegnamento privato. L’orchestra così strutturata è un grande contenitore di simboli: è un simbolo di democrazia, poiché i grandi aiutano i piccoli e ognuno, facendo bene ciò che può fare, collabora alla realizzazione di uno straordinario risultato finale di disciplina, di tolleranza, di amicizia e di speranza che i  piccoli sacrifici, i tanti incontri e la significativa esperienza artistica che il “fare musica” insieme rende raggiungibile e tangibile. 

Dal 2002 ha tenuto concerti in tutta Italia: Puglia, Campania, Lazio, Umbria, Toscana, Lombardia, Emilia e Alto Adige, e in tutto il Veneto, invitata in prestigiosi teatri come il Comunale di Treviso, il Sociale di Rovigo e il Goldoni di Venezia, il Teatro Verdi e il Teatro della Pergola di Firenze. Tiene mediamente 20 concerti l’anno ed è stata diretta da noti arrangiatori come Pinuccio Pirazzoli e Mike Applebaum che hanno scritto appositamente brani originali e arrangiamenti. www.rejouissance.it

Elisabetta Maschio, direttrice d’orchestra insignita del “leone d’oro” regionale per la divulgazione culturale e due medaglie d’argento del Presidente della Repubblica per l’organizzazione del festival internazionale “Gioie Musicali” che si tiene ogni anno dal 2005 ad Asolo e che consente ai giovani musicisti di frequentare corsi tenuti da didatti di fama nazionale e internazionale confrontandosi ed esibendosi con giovani di altre nazionalità, arricchendo così il proprio bagaglio di esperienze culturali e relazionali. 

Tra i suoi numerosi riconoscimenti, va anche ricordato il “Premio Donna nelle Professioni 2017 " assegnatole nel marzo 2017 dal Rotary Club Treviso Terraglio per il grande impegno professionale e per aver rivolto gran parte della sua attività alla divulgazione della cultura musicale tra le giovani generazioni. www.elisabettamaschio.com

L’Associazione “Per Mio Figlio” è una libera associazione senza finalità di lucro che considera la salute psicofisica dell’individuo nell’età evolutiva come un bene da proteggere e salvaguardare. Essa si pone come obiettivo il miglioramento della qualità della vita del bambino sano e ammalato, nell’ottica di favorire la futura capacità produttiva dell’individuo utilizzando a tal fine le più idonee metodologie della cultura imprenditoriale, promuovendo e favorendo progetti anche in collaborazione con altri soggetti istituzionali in campo nazionale e internazionale.  Tra i progetti più importanti realizzati dall’Associazione ricordiamo l’Oasi di Pediatria, inaugurata nel luglio 2003 presso l’Ospedale di Treviso, costituita da una sala giochi, una scuola, dei servizi ed un giardino pensile per rendere più sopportabile e serena la degenza in ospedale dei bambini e genitori. www.permiofiglio.it

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento