Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sicurezza a Casier: "54 videocamere in aree sensibili per contrastare la microcriminalità"

Il progetto, realizzato da Contarina, è stato realizzato con il contributo straordinario ministeriale per l'accoglienza dei richiedenti asilo...

 

Questa mattina nella sala consiliare del Comune di Casier è stato presentato il nuovo "Progetto Telecamere". Un impianto, progettato e realizzato da Contarina, che conta un totale di 54 videocamere posizionate in tredici aree considerate sensibili: il municipio, la rotonda di Dosson, le scuole di Casier, il Terraglio Est, gli orti urbani, il porticciolo di Casier, Piazza San Pio X, la rotonda di via Peschiere e iparchi di via Vecellio, via Beni, via Manzoni e via Aldo Moro. Il progetto, avviato un anno e mezzo fa, è stato finanziato grazie al contributo straordinario ministeriale per l'accoglienza dei richiedenti asilo (Legge Minniti) e va ad implementare notevolmente il sistema precedente di videosorveglianza: fino al 2014, infatti, funzionavano 5 videocamere di contesto analogiche e una digitale, con tre collegamenti in ponte radio e solamente 4 aree sorvegliate; nel 2014 l'impianto è stato revisionato, passando a 8 videocamere di contesto più 2 videocamere per la lettura delle targhe ed un totale di 6 aree sorvegliate.

Il nuovo impianto è caratterizzato da 5 ponti radio e da quasi diecimila metri di fibra ottica, con postazioni fisse per la visualizzazione delle immagini in municipio, all'ex comando della Polizia locale a Casier e alla stazione dei Carabinieri di Dosson. Sette delle 54 telecamere, inoltre, sono dotate di un sistema ausiliario specifico per la lettura delle targhe delle automobili in transito: grazie al collegamento con il Ministero dei Trasporti è possibile verificare in tempo reale che assicurazione e revisione del veicolo siano in regola. Non solo. Il sistema consente di verificare le targhe in una black list di auto rubate o con a bordo persone sospette. Trattandosi di un sistema ausiliario, il rilevamento deve essere seguito da una contestazione immediata da parte delle forze dell'ordine.

All'impianto di videosorveglianza da lunedì 1 ottobre si aggiungeranno 7 nuovi box per autovelox (precedentemente erano 2) in dotazione alla Polizia locale. "La scelta di implementare il sistema di videosorveglianza - hanno spiegato il sindaco di Casier Miriam Giuriati e l'assessore alla Sicurezza Paolo Calmasini - è stata dettata dalla necessità di rinnovare un impianto ormai datato e per nulla capillare, ma principalmente si tratta di una risposta concreta e rapida alle richieste dei nostri cittadini".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento