rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Animali

Come educare un cane perchè sia affettuoso e obbediente

I trucchi spiegati dall'esperto

Quando si tratta di allevare un amico a 4 zampe, nella maggior parte dei casi ci si affida semplicemente al buon senso. Del resto, avere in casa un cane è estremamente diffuso: solo nel nostro Paese, le case che ospitano un cane sono circa 5,9 milioni, il 27,1% delle famiglie italiane. Ecco perché Fido è ufficialmente parte della famiglia e quindi, anche lui, deve imparare a rispettare alcune regole di casa. 

 Christian Costamagna ha inventato il metodo Empathy Dog, per crescere bene il cane e avere una vita felice insieme.

Come educare un cane affettuoso e obbediente

Educare un cane significa quindi perseguire i principi della ripetizione e della ricompensa, escludendo totalmente l’inibizione psicologica, ovvero sgridare il cucciolo, e tanto più la punizione corporale. Questi tipi di dissuasione sono considerati negativi, poiché si ritiene che vadano a minare l’importante equilibrio emotivo del cucciolo. Secondo questo orientamento, l’animale deve costruire un bagaglio di esperienze il più positive e gioiose possibile.

QUANDO SI PUÒ INIZIARE AD ADDESTRARE
Quando avrà circa otto settimane. A questa età il vostro nuovo cucciolo ha già sviluppato circa l'80% del suo cervello di adulto e nel corso delle settimane successive il suo cervello continuerà a svilupparsi.
Siate preparati ad essere persuasivi, a molte ripetizioni, qualche premietto e qualche meritata lode. Una volta che sanno sedersi e sdraiarsi a comando, sarete davvero orgogliosi – mettendo in mostra le loro nuove abilità con amici e parenti – e ameranno tutta l'attenzione positiva che avranno.

  • Seduto - Tenete un piccolo premietto di fronte al vostro cuccciolo, vicino al suo naso (non lasciategli afferrare il premietto dalla vostra mano) e muovetelo lentamente indietro sopra i loro occhi in modo che il loro naso si alzi. Il loro corpo dovrebbe mettersi in posizione seduto in modo naturale. Appena si siede potete dare al vostro cucciolo il premietto elogiandolo allo stesso tempo e utilizzate il comando verbale "seduto". Continuate ad esercitarvi sino a che non debbano più prendere il premietto, ma solo un elogio pacato.
  • Terra - Tenete il premietto di fronte al naso del vostro cucciolo, lentamente muovetelo verso terra e tra le loro zampe anteriori. Questo dovrebbe incoraggiarli a sdraiarsi per ottenere il premio. Non appena si accucciano date al vostro cucciolo il premietto elogiandolo allo stesso tempo e utilizzate il comando vocale 'terra'. Di nuovo, continuate ad esercitarvi sino a che non debbano più prendere il premietto, ma solo un elogio pacato.
  • Camminare al guinzaglio - E' essenziale che l'addestramento base del vostro cucciolo includa camminare al guinzaglio. Iniziate al chiuso dove lui si possa sentire più a proprio agio e possiate controllare l'ambiente circostante. La prima cosa da fare è mettere il collare e immediatamente dopo elogiarlo e dargli un premio perchè possa realizzare che indossare il collare è una cosa positiva.
  • La coerenza è la chiave - Innanzitutto, è di vitale importanza essere coerente con i comandi e nel lodarlo. E' importante assicurarsi che tutti i membri della famiglia sappiano i vostri obiettivi di addestramento e come utilizzare i comandi correttamente, altrimenti il cane potrebbe ricevere messaggi contrastanti che possono creare confusione.(Fonte: Eukanuba)

Il problema della disubbidienza, piuttosto, dipende soprattutto da un'educazione non adeguata impartita dal suo “amico umano”. Ancora oggi si pensa che, per avere un cane ubbidiente, basti insegnargli a rispondere a comandi come “seduto” o “vieni”.

Vivere con un cane significa imparare a vivere e gestire un legame fisico ed emotivo speciale, che ha dell’inspiegabile e che dura per tutta la vita. Un legame basato su una fiducia che aumenta giorno dopo giorno, alimentata da sguardi e gesti. Educare, dunque, vuol dire proprio questo: condurre il rapporto tra cane e padrone a un livello di maturità più alto e questo è possibile solo a patto di conoscere la psicologia e la comunicazione canina. Questo è l’apice della relazione con un animale speciale come il cane. «Uno sguardo, un gesto e un sorriso – conclude Costamagna - e lui ti seguirà perché si fida di te e ti rispetta». Gli “esercizi” sono inutili senza la conoscenza e l’applicazione della psicologia canina, l’unica strada che permette di portare il legame a livelli superiori e vivere più serenamente la quotidianità con il proprio amico a 4 zampe 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come educare un cane perchè sia affettuoso e obbediente

TrevisoToday è in caricamento