Rinasce l'abbazia di Sant'Eustachio: eventi durante tutta la primavera e l'estate

Da rudere abbandonato a vivace polo culturale: enogastronomia, storia e svago sulle colline del Montello. Saranno tantissime le iniziative culturali in programma nei prossimi mesi

Sedute di yoga, incontri culturali, degustazioni, corsi di galateo, cinema, concerti e aperitivi musicali. Il calendario delle iniziative organizzate presso l’Abbazia di Sant’Eustachio a Nervesa della Battaglia è quanto mai ricco e variegato quest’anno.

Il monastero benedettino, risalente al 1062 e bombardato durante la Grande Guerra, è stato recentemente restaurato da Ermenegildo Giusti, proprietario dell’azienda vitivinicola Giusti Wine: il complesso è ora un luogo di attrazione per turisti, appassionati e abitanti del territorio e promette di diventare il principale polo di incontro e di cultura della zona, oltre a ergersi quale presidio storico e naturalistico della Marca trevisana e del Montello. Il calendario 2019, così com’è stato strutturato e progettato, non delude le aspettative. Oltre al cinema all’aperto, a concerti e aperitivi musicali previsti a partire da giugno, il monastero diventa location ideale ed esclusiva per diversi eventi e iniziative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se a primavera, l’Abbazia si trasformerà in cuore pulsante della spiritualità per praticare lo yoga e conoscere l’essenza mistica dei 5 elementi, ogni sabato fino a luglio, sarà la splendida cornice di una rassegna letteraria e culturale che vedrà protagoniste la storia, l’arte e la poesia. E per rendere onore a Monsignor Della Casa, che tra le mura dell’Abbazia scrisse nel 1549 il famoso testo “Il Galateo overo de' costumi”, Giuliana Meneghetti, ex cerimoniere della Provincia di Treviso, ci accompagnerà, a partire da maggio, verso la conoscenza delle buone maniere 2.0. Non mancheranno degustazioni di vini e prodotti locali in compagnia di esperti e gastronauti d’eccezione, come il giornalista, sommelier e docente Slow Food, Fabio Guerra, che dedica i quattro mercoledì di marzo al mondo dei formaggi, dei salumi, del pane e del vino. Tutti i mercoledì di marzo saranno dedicati all’enogastronomia. In Veneto esistono prodotti di antichissima tradizione culinaria, trasmessa fino ai giorni nostri grazie all’abilità di mani sapienti e alla qualità delle materie prime. L’Abbazia di Sant’Eustachio, che è stata in passato anche un importante fulcro della cultura agricola, ospiterà un corso enogastronomico condotto da Fabio Guerra. Il giornalista, sommelier e docente Slow Food, al quale la Regione Veneto ha riconosciuto la competenza nell’ambito alimentare e vitivinicolo in termini di promozione, divulgazione e comunicazione di prodotti, guiderà quattro degustazioni alla scoperta dei sapori enogastronomici locali. Ad accompagnare quest’escursione organolettica ci saranno i prodotti panari forniti da Luca Vidorin, artigiano del pane, professionista attento ed esaltatore dei valori della terra e del territorio. Prenotazione obbligatoria. Le iscrizioni per le 4 lezioni oppure per una singola lezione sono a numero chiuso. Dal 6 al 27 marzo, ogni mercoledì, dalle ore 20.30 alle ore 22.30. Chiunque volesse partecipare e ricevere informazioni sulle visite e gli eventi, può chiamare lo 0422.1836285 o il 320.2696169 oppure scrivere un’e-mail: info@abbaziasanteustachio.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento