Vedelago: «L'adeguamento sismico della scuola media è più vicino»

Stanziato un contributo di circa 40mila euro destinato a finanziare il completamento del progetto di adeguamento dell'edificio. Speranzosi il vicesindaco Perin e il sindaco Andretta

Il sindaco di Vedelago, Cristina Andretta

Un altro passo verso la essa in sicurezza dal punto di vista sismico della scuola secondaria di primo grado Don Giovanni Bosco di Vedelago è stato messo a segna.

E’ notizia recente l’assegnazione da parte del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti di un contributo di circa 40mila euro destinato a finanziare completamento il progetto di fattibilità tecnico-economica per l’adeguamento sismico dell’edificio scolastico. Un intervento atteso e necessario, trattandosi di una struttura risalente a circa 40 anni fa e quindi in un periodo precedente rispetto all’entrata in vigore della normativa antisismica per gli edifici pubblici. Spiega il vicesindaco, Marco Perin: «La progettazione finanziata risulta anche funzionale alla partecipazione al prossimo bando per la messa a norma sismica con scadenza il prossimo 13 marzo per ottenere i finanziamenti necessari per la realizzazione dell’opera. Si tratta di un progetto di circa 3 milioni di euro che l’amministrazione comunale spera di poter in parte finanziare aggiudicandosi questo bando relativo a Fondi europei erogati per tramite della Regione Veneto. In questo modo potremo concretizzare anche questa opera che continua il percorso rivolto all'edilizia scolastica già avviato dall'amministrazione comunale con la scelta di accorpare i tre plessi della scuole primarie a sud di Vedelago (Albaredo, Casacorba e Cavasagra) in un unico plesso nuovo, funzionale e sicuro, che sarà inaugurato con l’inizio del prossimo anno scolastico. Garantire delle scuole efficienti e sicure per i nostri bambini e ragazzi è il nostro obiettivo numero uno e gran parte degli sforzi della giunta e dei tecnici continuerà ad essere rivolto in questa direzione».

Aggiunge il sindaco, Cristina Andretta: «Il progetto e la partecipazione al bando per poter mettere in sicurezza le scuole medie ed i 500 alunni che la frequentano conferma la nostra attenzione al mondo della scuola. Un interesse a 360 gradi che coinvolge tutti gli aspetti, non solo quello dell’edilizia scolastica. Ricordo la collaborazione con l’istituto comprensivo ed i contributi per migliorare e integrare l’offerta dei piani formativi, ma anche la sinergia rispetto alle proposte sportive, ed in particolare la festa dello sport che verrà ripetuta anche quest’anno, all'importante co-investimento di 125mila euro per ammodernare le attrezzature informatiche a disposizione degli alunni: 85 PC per alunni, 6 PC per insegnanti, 75 monitor per alunni ed 1 switch sono già stati consegnati mentre è imminente l’acquisto e la consegna delle 37 LIM (Lavagne Interattive Multimediali) che andranno a completare la dotazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento