menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'aeroporto di Treviso (Foto d'archivio)

L'aeroporto di Treviso (Foto d'archivio)

Aeroporto Canova, i sindacati: «Cassa integrazione fino alla riapertura»

Cgil, Cisl e Uil chiedono che siano tutelati i posti di lavoro di tutte le attività, anche quelle sussidiarie. Pronta la richiesta per la cassa integrazione straordinaria

I sindacati confederali trevigiani esprimono grande preoccupazione per la proroga della chiusura dell'aeroporto "Canova" di Treviso. Dopo un anno di cassa integrazione, in scadenza a fine marzo, Cgil, Cisl e Uil chiedono una proroga per tutti i lavoratori fino alla riapertura.

Se ciò non sarà possibile a livello nazionale, i sindacati faranno appello alla Regione Veneto per ottenere la cassa integrazione straordinaria, sempre fino a quando non sarà possibile tornare al lavoro. La presa di posizione si inserisce all’interno della cornice nazionale, dove le organizzazioni stanno chiedendo la proroga del blocco dei licenziamenti. La scelta di Ryanair di stabilire la propria base del Nordest al “Canova” era stata vista positivamente dai sindacati e dalle sigle di categoria, come opportunità di ripresa e rilancio del territorio. Lunedì 1° marzo la compagnia irlandese ha però annunciato che gli aerei non decolleranno prima di inizio giugno. La decisione è stata causata dall’andamento della pandemia e dalla campagna vaccinale, che prosegue a rilento.

«L'aeroporto Canova - spiegano Mauro Visentin, Massimiliano Paglini e Gian Luca Fraioli, rispettivamente Segretari generali di Cgil, Cisl e Uil di Treviso - ha sofferto più degli altri perché non ha mai riaperto. Il "Marco Polo" di Venezia, seppur a ritmo ridotto, ha riaperto. È necessario che la cassa Covid venga prorogata per tutta la durata della chiusura. La tutela riguardi tutte le società di Save, anche le quattro che gestiscono le attività sussidiarie. Fra queste, venga posta particolare attenzione a sicurezza e ristorazione, servizi che impiegano 130 dipendenti. Vanno garantite le stesse condizioni per tutti i lavoratori, in termini sia di occupazione sia di contrattazione. In altre parole - sottolineano Visentin, Paglini e Fraioli - bisogna salvaguardare tutti i posti di lavoro dello scalo trevigiano ed evitare perdite nel versante delle professionalità. Invitiamo Save a considerare l’opportunità di accedere al Fondo Nuove Competenze, messo a disposizione da Anpal. Venendo considerate ore di lavoro, e non di cassa integrazione, aiuterebbe anche i redditi dei dipendenti, in difficoltà dopo tanti mesi di ammortizzatore sociale. Sarebbe inoltre - chiudono i sindacati - una preziosa occasione per sviluppare nuove competenze, da spendere con la riapertura dell’aeroporto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

social

Domenica 11 aprile: accadde oggi, santo del giorno, oroscopo

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento