Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità Porta Santi Quaranta

Elezioni a Treviso: il gazebo di Mario Conte attaccato da un disturbatore

Durante la campagna elettorale di domenica 13 maggio, il gazebo del candidato sindaco è stato teatro di un tentativo di aggressione da parte di un giovane in preda all'alcol

TREVISO Domenica 13 maggio, a pochi metri di distanza da Porta Santi Quaranta, il gazebo elettorale del candidato sindaco Mario Conte è finito nel mirino di un giovane di origini africane, in evidente stato confusionale, che ha iniziato a disturbare i sostenitori del politico trevigiano.

I vari tentativi di far desistere il giovane non hanno però avuto alcun effetto, anzi. La situazione è peggiorata quando il disturbatore, chiesto più volte le elemosina, ha iniziato a staccare i manifesti della campagna elettorale, avvicinandosi in maniera aggressiva alle donne che erano presenti, le candidate Anita Avoncelli, Natalia Mazzobel e Federica Merlo. Alla fine il ragazzo è stato allontanato grazie alla presenza del candidato consigliere Davide Visentin, arrivato qualche minuto prima al gazebo. Avendo assistito alla scena anche bambini e famiglie, il gruppo guidato da Conte ha preferito subito avvisare le forze dell'ordine dell'accaduto, visto che la persona in questione era decisamente alterata. "Accogliere a dismisura, senza avere alle spalle un progetto di vera inclusione sociale, non è dignitoso per coloro che hanno realmente bisogno e non è rispettoso per i cittadini di Treviso" sono le parole con cui Conte ha commentato la vicenda. "Il senso civico e le regole di convivenza devono tornare a essere un principio di vita di ogni persona, per chi arriva, per chi già ci vive e per tutti coloro che vogliono rispetto e ordine" ha concluso il candidato sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Treviso: il gazebo di Mario Conte attaccato da un disturbatore
TrevisoToday è in caricamento