rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità San Fior

Alberto muore a 56 anni, l'ultimo selfie dal Ca' Foncello: «Ci rivediamo presto»

Alberto Toffoli, ottico conosciutissimo a San Fior, ha perso la vita per un malore fatale. Nei giorni scorsi si era sottoposto ad un delicato intervento di sostituzione dell'aorta. Disposta l'autopsia

L'operazione sembrava essere andata per il meglio ma, domenica 29 maggio, il cuore di Alberto Toffoli non ha retto strappandolo all'affetto dei suoi cari a soli 56 anni. Ottico molto conosciuto a San Fior, lascia la moglie Giuliana e la figlia Giorgia.

Venerdì scorso, 27 maggio, Alberto aveva pubblicato sul suo profilo Facebook un selfie dal letto d'ospedale con cui aveva voluto rassicurare amici e parenti: «Mi hanno sostituito l'aorta ascendente e riparato una valvola. Un'equipe di medici, anestesisti e infermieri eccezionali, vedere come lavorano con passione e professionalità è davvero qualcosa di umano e meritevole. Avevo una bomba ad orologeria all’interno del mio corpo e queste persone me l’hanno disinnescata. Ora avrò bisogno di tempo per tornare in forma, cambiare stili di vita, dedicare più tempo alla mia famiglia e alle mie passioni. Grazie di nuovo a tutti e ci rivedremo più in forma che mai». Due giorni dopo Alberto ha perso la vita. Come riportato da "La Tribuna di Treviso", la data dei funerali verrà fissata solo dopo l'autopsia disposta per chiarire le cause che hanno portato il 56enne a perdere la vita.

Artigiano e ottico di professione, Alberto era originario di una famiglia del Cadore. Il primo negozio di occhiali l'aveva aperto nel 1985. Negli anni il laboratorio "Playlook" era cresciuto molto, portandolo ad aprire il negozio "Ottica Toffoli" lungo la Pontebbana a San Fior. Grande appassionato di pesca, era uno dei soci della cooperativa Vision Adria. Vastissimo il cordoglio in paese: tutta San Fior attende ora l'annuncio della data dei funerali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alberto muore a 56 anni, l'ultimo selfie dal Ca' Foncello: «Ci rivediamo presto»

TrevisoToday è in caricamento