Ponte di Piave, l’ambulatorio medico pediatrico entra in funzione

Sarà attivo e funzionante a partire dal 1 gennaio in Piazza Sarajevo. La dottoressa Tiziana Guerrera, pediatra in libera scelta, sostituirà il dottor Lorenzon

Dal 1 gennaio 2020 a Ponte di Piave entrerà in funzione l’ambulatorio medico pediatrico sito al piano terra dei locali di proprietà del Comune, in Piazza Sarajevo 14/A.

L’amministrazione comunale di Ponte di Piave attenta ad agevolare  le esigenze delle famiglie, a seguito di apposito avviso pubblicato sul sito del Comune, ha  stipulato, il  23 dicembre scorso, un contratto di affitto con la dottoressa Tiziana Guerrera, pediatra in libera scelta, che sostituisce il dottor Claudio Lorenzon, storico pediatra, ringraziato dal Comune per il lungo servizio prestato a favore della popolazione pontepiavense e l’impegno profuso nella professione. «Con l’insediamento dell’ambulatorio pediatrico - ha dichiarato il sindaco Paola Roma - i locali comunali di Piazza Sarajevo assumono una forte connotazione sociale  e di tutela della salute in quanto già funzionanti nello stesso stabile alcuni uffici del distretto socio sanitario ed in particolare l’ufficio dell’anagrafe sanitaria ed il punto prelievi per i quali è già in essere la convenzione per l’impiego dei locali con l’Ulss 2 Marca Trevigiana. Ringrazio le associazioni - continua Roma - che avevano sede presso i locali e che sensibili alle esigenze sanitarie della popolazione, hanno aderito allo spostamento delle loro sedi presso Casa della comunità, di proprietà comunale, un segno tangibile di spirito di comunità». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento