rotate-mobile
Attualità Ponzano Veneto

Raid animalista contro il Venezia Calcio: "El Bechèr no porta ben"

I militanti di Centopercentoanimalisti: "Si tratta di una azienda di macellai e produttori di salumi vari. Cioè lucrano sulla morte degli animali e sullo smembramento e commercializzazione dei loro corpi"

"Ci siamo già occupati, nel passato, del 'Bechèr' di Ponzano Veneto (sponsor del Venezia Calcio): sono macellai e produttori di salumi vari. Cioè lucrano sulla morte degli animali e sullo smembramento e commercializzazione dei loro corpi. E’ vero che i soldi non puzzano, ma una società sportiva dovrebbe scegliere i finanziatori anche in base a criteri etici". A dirlo sono i militanti di Centopercentoanimalisti.

"Noi abbiamo sempre sostenuto che le scelte negative portano male e, infatti, finora il campionato non va molto bene per il Venezia Calcio. Non speriamo certo che i dirigenti della squadra cambino rotta, ma almeno i tifosi che amano gli animali (tra cui alcuni dei nostri attivisti) dovrebbero rifletterci sopra" continuano da Centopercentoanimalisti.

A seguito di queste dichiarazioni alcuni militanti di Centopercentoanimalisti, nella prima serata di martedì, hanno affisso sui cancelli del campo sportivo “Taliercio”di Mestre e sul furgone del Venezia Calcio alcuni manifesti di “riflessione” su "cosa subiscono i poveri animali del Bechèr" con annesso, in basso a destra del manifesto, un "forza Venezia” che non guasta mai. Forza Venezia, ma senza il “Bechèr” che “no porta ben”…

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid animalista contro il Venezia Calcio: "El Bechèr no porta ben"

TrevisoToday è in caricamento