Antenne per il 5G: «Rischi altissimi per la salute, serve più precauzione»

La deputata Sara Cunial, intervenuta a Borso del Grappa, si è schierata apertamente contro i rischi altissimi provocati dall'installazione di antenne e ripetitori sul territorio

«Sempre più studi nazionali e internazionali dimostrano come i campi elettromagnetici possano avere effetti devastanti per la salute pubblica e l’ambiente». A dirlo è Sara Cunial, deputata del Gruppo Misto intervenuta, insieme a Laura Masiero (presidente di A.P.P.L.E.) e alla dottoressa Fiorella Belpoggi (direttrice del centro di ricerca sul cancro Cesare Maltoni) nella serata organizzata dall'associazione Natura e Vita a Borso del Grappa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come illustrato all’evento i recenti studi pubblicati dal centro per ricerca sul cancro dell'istituto Ramazzini non fanno altro che evidenziare ancora una volta la pericolosità di queste nuove tecnologie, correlate a un aumentato rischio di tumori, sia alla testa che schwannomi, il più pericoloso dei quali è il tumore cardiaco – afferma Cunial – Tali risultati sono ormai talmente convalidati e condivisi dalla comunità scientifica internazionale da portare i ricercatori alla conclusione che è tempo di aggiornare la classificazione Iarc traslando la categoria di riferimento di queste nuove tecnologie da probabile cancerogeno e cancerogeno certo. Per questo – continua Cunial –  abbiamo chiesto a gran voce alle amministrazioni locali e ai sindaci presenti di Borso del Grappa, Castelcucco, Romano d'Ezzelino e al Presidente Unione Montana di rispettare il principio di precauzione e di agire a tutela della salute della propria cittadinanza altrimenti costretta a subire h24 le antenne predisposte dal progetto dell’Unione montana del Grappa. Magari il principio di precauzione fosse stato adottato nel caso Pfas – prosegue Cunial – si sarebbero così salvate dalla contaminazione oltre 350mila persone e la falda acquifera più grande d'Europa. Le soluzioni meno impattanti ci sono e devono essere prese in considerazione. Ma soprattutto – conclude Cunial – ci deve essere la volontà di confrontarsi con la cittadinanza e agire nell’interesse della collettività che si rappresenta. Come ci insegna la vicenda di Malles, dove un sindaco attento alla salute pubblica ha proposto un referendum per vietare i pesticidi sul territorio comunale, quando le amministrazioni agiscono nella tutela del diritto e della Costituzione e sono sorrette dalla volontà popolare, si può vincere, anche sulla Corte dei Conti. Questa – conclude Cunial – è la strada da seguire: condivisione delle decisioni, diffusione delle informazioni ed innovazione a vantaggio della collettività».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento