rotate-mobile
Attualità San Biagio di Callalta

Fagarè perde l'ortofrutta, la signora Menegaldo va in pensione

A fine anno, dopo aver a lungo sperato di poter trovare qualcuno in famiglia che potesse rilevare l’attività, la signora Antonella ha deciso di chiudere per godersi la pensione dopo 48 anni di lavoro

Il sindaco Alberto Cappelletto ha consegnato venerdì mattina, 20 gennaio, una targa ad Antonella Menegaldo che, per 33 anni, ha gestito il negozio di ortofrutta in via Postumia a Fagarè, nel comune di San Biagio di Callalta. All’incontro erano presenti anche il capogruppo della maggioranza, Luca Moretto e una delegata di Ascom Confcommercio. A fine anno, dopo aver a lungo sperato di poter trovare qualcuno in famiglia e tra i conoscenti, che potesse rilevare l’attività, la signora Antonella ha deciso di chiudere per godersi la meritata pensione. «La speranza - svela - è l’ultima a morire, e in cuor mio confido che qualcuno possa ancora farsi avanti nei prossimi mesi». 

Antonella Menegaldo ha iniziato a lavorare prima come cameriera in un ristorante della zona, poi è stata per lunghi anni commessa presso la pasticceria Trevisan. «Ho capito che stare a contatto con la gente era il mio lavoro e che era arrivato il momento di mettermi in proprio» spiega, ricordando il 16 settembre 1989, quando aprì la bottega di frutta, verdura, alimentari e all’inizio anche fiori. Ha sempre lavorato da sola, salvo in qualche occasione quando è stata aiutata dalla sorella Giancarla. Dopo 48 anni di lavoro, ha deciso che era arrivato il momento per dire addio, considerato anche i grandi cambiamenti vissuti dal commercio locale negli ultimi anni. «Mi sentito un po’ un pesce fuor d’acqua. Ora potrà dedicarmi ad altro» conclude. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fagarè perde l'ortofrutta, la signora Menegaldo va in pensione

TrevisoToday è in caricamento