Lavoratori del Cup e dell'Urp della Uls 2, la Cgil chiede chiarimenti

L'azienda che effettua i due servizi in appalto ha fatto domanda di ammortizzatori sociali ma Nicola Atalmi, segretario generale della Slc, precisa: «Nessun riscontro sulla riduzione del canone pagato»

Nicola Atalmi, segretario della Slc Cgil, chiede chiarimenti sui lavoratori del Cup e Urp della Uls 2

In questi giorni l'impresa vicentina Gpi, titolare dell’appalto di gestione di Cup e Urp per l’ULSS 2 Marca Trevigiana, ha fatto richiesta di accedere al fondo di integrazione salariale  per il calo dell’affluenza agli sportelli e segreterie dovuto all’interruzione delle prenotazioni di varie specialità e riduzione di altri servizi correlati a seguito dell’emergenza Covid-19. Ma per la Cgil si tratta di «una richiesta che può essere solo motivata dalla riduzione del canone pagato l’Azienda Sanitaria e su  questo non abbiamo ancora un riscontro ufficiale».

A "fare le pulci" alla situazione della Gip è Nicola Atalmi, segretario generale della Slc Cgil provinciale. «Come sindacato – sottolinea Atalmi – dobbiamo sapere se, quando e per quanto l’ULSS ha comunicato di voler ridurre alla Gpi i pagamenti dei canoni previsti per i servizi in appalto. È, infatti, evidente che la richiesta di accesso a un ammortizzatore sociale può nascere solo a fronte di una riduzione dei servizi, e in questo caso dei relativi canoni come previsto dal capitolato di appalto. In caso contrario l’INPS stesso potrebbe rifiutare la richiesta e dunque non erogare l’ammortizzatore sociale al centinaio di lavoratori impiegati a Castelfranco Veneto e Montebelluna. Inoltre – continua Atalmi – Gpi ha già reso noto che non intendere anticipare il pagamento dell’eventuale assegno INPS ai dipendenti, lasciandoli così ad attendere i tempi di pagamento ma anche in balia del rischio che poi l’Istituto di Previdenza non conceda l’ammortizzatore».

«Gpi deve fare chiarezza e, insieme all’ULSS, ricomporre questa situazione, facendosi carico dei suoi doveri di appaltatore, sia in termini di scelte regolari e legittime sia in termini di pagamento degli stipendi o di anticipo degli ammortizzatori – afferma ancora Atalmi – le lavoratrici e i lavoratori che operano negli ospedali di Castelfranco e Montebelluna hanno affrontato con dedizione e responsabilità una fase iniziale di lavoro in ambiente a rischio come gli ospedali, spesso senza nemmeno i dispositivi di protezione dei colleghi direttamente dipendenti dell’ULSS, e per questo non meritano che le loro retribuzioni, già basse, vengano ulteriormente ridotte.  Siamo certi sia possibile utilizzare un sistema di flessibilità nell’orario di lavoro in questo periodo da recuperare alla ripresa della attività dopo l’emergenza Covid-19, anche per poter garantire al meglio il lavoro nell’interesse della utenza nei prossimi difficili mesi ». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento