Arteterapia in regalo ai disabili grazie al boom di richieste per le magliette di Bombis Lab

Neppure il lockdown ferma la generosità verso il Piccolo Rifugiodi Vittorio Veneto

Durante il lockdown si è fermata l'Italia intera. Si sono fermate le scuole e le fabbriche, gli spettacoli e i campionati sportivi, la produzione e il turismo. Ma non si è fermata la generosità verso il Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto. E' di 1400 euro l'offerta consegnata al Piccolo Rifugio giovedì da "Bombis Lab 1.0 - Piccoli gesti per la salvaguardia dell'ambiente" progetto che unisce arte, moda e volontariato, ideato da Manua Maier, titolare del negozio di abbigliamento “Stile di guida” di Mescolino, e Valentina Gava, titolare della cartoleria “La sognivendola” di Cordignano, in collaborazione con Simonetta Monego, Claudia De Nadai, e l'equipe educativa del Piccolo Rifugio.

Maier e Gava, assieme ai volontari dell'associazione Lucia Schiavinato, hanno condotto, a fine 2019, pomeriggi di laboratori artistici con le donne e gli uomini con disabilità del Piccolo Rifugio. Tra i più bei disegni prodotti, i clienti dei negozi di Maier e Gava, votando sui social, hanno scelto quale trasformare in maglietta: è nata così “Un mare di luce”, maglietta bianco blu impreziosita da motivi marini. La festa per presentare e vendere le magliette era programmata per mercoledì 18 marzo. Ma 10 giorni prima scattò il lockdown per proteggere dal Covid19, e quindi tutto fu inevitabilmente cancellato. L'intero progetto Bombis Lab sembrava in bilico. Difficile immaginare che in tempi così angosciosi per tutti, ci fossero ancora tanti slanci di solidarietà.

Maier e Gava, tuttavia, provarono comunque a mettere in vendita le magliette. Dapprima solo online; poi, con l'alleggerirsi delle restrizioni, anche nei negozi. La risposta ha superato le più rosee previsioni. Tutte le magliette realizzate sono state vendute, e s'è dovuto provvedere ad una ristampa. Molti e molte degli acquirenti hanno scelto spontaneamente di lasciare un'offerta anche maggiore del contributo richiesto. Si sperava di raccogliere da Bombis Lab a sufficienza per offrire al Piccolo Rifugio un corso di arteterapia, per stimolare la creatività e la manualità delle persone con disabilità.

Si temeva, visto il lockdown, di faticare a raggiungere questo traguardo. E invece i 1400 euro raccolti permetteranno di realizzare un percorso di arteterapia ancora più denso del previsto. O forse addirittura due corsi anziché uno, dando quindi questa opportunità ad un maggior numero di persone con disabilità. Tutto il ricavato delle magliette, tolte le sole spese, è andato al Piccolo Rifugio.Dove donna e uomini con disabilità hanno anche l'ulteriore soddisfazione di poter sfoggiare, in quest'estate, un'originale maglietta biancoblù, e poter dire: questa l'ho fatta io. Da parte del Piccolo Rifugio e di tutti gli artefici di Bombis Lab 1.0 un grandissimo grazie a chi ha acquistato la maglietta “Un mare di luce”, dimostrando che la generosità può battere anche i vincoli del Covid-19.

bombis2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento