Attualità

Ascesa a Pianezze disseminata di puntine: decine di ciclisti furiosi per le forature

Sabato una scatola da 200 puntine è stata riversata sull'asfalto. Un ciclista di passaggio: «Un gesto folle che poteva anche costare la vita a qualcuno di noi»

La scatola di puntine ritrovate in strada

Centinaia di puntine colorate (di marca Mitama) sparse lungo tutta la strada che porta a Pianezze, in zona Valdobbiadene. Questo quanto amaramente scoperto sabato mattina, verso le ore 11, da oltre una decina di ciclisti amatoriali che si sono dovuti improvvisamente rimboccare le maniche per cercare di sistemare le loro camere d'aria bucate a causa del gesto di ignoti. Così racconta l'episodio Samuele Gomiero, ciclista della U.C. Castagnole, stamattina in pedalata proprio lungo le colline trevigiane: «Ero fuori con alcuni amici per una escursione in bici tra i colli. Siamo partiti da Paese, per poi arrivare a Combai e da lì in poi iniziare ad affrontare l'ascesa a Pianezze. Salendo, però, verso il 3° tornante abbiamo cominciato a notare sempre più ciclisti fermi a bordo strada con le ruote bucate, finché ci siamo accorti che la sede stradale era stata completamente disseminata di puntine per almeno 500 metri, fino al parcheggio dell'Avis».

«E' la prima volta che mi capita di vedere qualcosa del genere in zona, pazzesco - continua Gomiero - Un conto è bucare in salita, un altro è se accade in discesa. C'è stato addirittura chi ha bucato più volte sia in salite che in discesa, tanto da fermare altri ciclisti di passaggio per chiedere in regalo camere d'aria in più per sostituire quelle già danneggiate. Si è trattato quindi di un gesto pericoloso di qualche folle, anche perché le puntine non erano praticamente visibili ad occhio nudo essendo queste state coscientemente posizionate a bordo strada dove passano i ciclisti, mentre a centro carreggiata l'asfalto era fortunatamente libero, così da non danneggiare eventuali autovetture in corsa. Davvero non capisco questo continuo accanimento contro noi amanti della bicicletta, rimango allibito». «Inoltre - conclude Gomiero - il fatto di aver abbandonato in strada, in bella vista, la scatolina contenente le 200 puntine dimostra come chi ha compiuto il gesto abbia voluto inviare a tutti noi un messaggio chiaro rispetto al fastidio che eventualmente lui prova nel vederci passare in zona. A prescindere dalle sue ragioni, però, un comportamento del genere rischia di compromettere seriamente la vita di chi semplicemente pedala per rilassarsi in compagnia in un sabato di sole qualunque».

Il commento del sindaco

«Quanto segnalato oggi dai ciclisti è un gesto davvero ignorante e criminale - dichiara il sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese - Chi lo ha commesso non ha evidentemente idea delle gravissime conseguenze che avrebbe potuto provocare un comportamento simile, per di più nei confronti di chi scende da Pianezze. Sono davvero rammaricato e mi scuso con tutti i ciclisti. Appena avuto notizia dell'accaduto abbiamo inviato sul posto la polizia locale e, quindi, i cicloamatori possono stare certi che faremo tutte le verifiche del caso per cercare di dare un'identità a chi ha commesso questo gesto del tutto condannabile. Nessuno, infatti, può sentirsi proprietario di una strada e mettere a rischio l'incolumità pubblica».

183567140_289882049415692_2644748894721767975_n-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ascesa a Pianezze disseminata di puntine: decine di ciclisti furiosi per le forature

TrevisoToday è in caricamento