Asilo vicino al vigneto, la perizia: «L'edificio non è a norma»

L'indagine condotta dall'istituto Cesana Malanotti ha evidenziato che l'asilo di Via San Fermo a Vittorio Veneto non rispetta le norme antisismiche: «I bimbi non ci possono entrare»

L'ingresso dell'asilo (Immagine d'archivio)

L'asilo di San Giacomo di Veglia non rispetta le norme antisismiche e quindi, ad oggi, non può ospitare i bambini all'interno delle aule. E' questo il risultato della perizia condotta dall'istituto Cesana Malanotti sull'asilo di Via San Fermo a Vittorio Veneto, già noto per la vicenda del vigneto posizionato proprio a lato dell'edificio.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", l'asilo fa parte dell'istituto comprensivo "Da Ponte" ed è una scuola statale, non più paritaria. L'edificio, però, è di proprietà del Cesana Malanotti che l'ha dato in gestione per garantire l'istruzione ai bambini del quartiere. I primi problemi sono iniziati nel dicembre del 2019 quando una perizia del Comune di Vittorio Veneto aveva evidenziato alcuni problemi statici per l'asilo. Al Cesana Malanotti erano stati chiesti controlli più approfonditi per verificare l'agibilità della struttura. Dalla perizia, completata nei giorni scorsi, è emerso che l'asilo non rispetta le norme antisismiche e non potrebbe quindi ospitare bambini e insegnanti durante le lezioni in classe. Un problema che è andato ad aggiungersi alla vicenda legale sul vigneto sorto a lato dell'edificio: questione giuridica non ancora risolta e ferma al ricorso al Tar. Il Comune di Vittorio Veneto è ora in attesa di capire se il Cesana Malanotti avrà intenzione di dare il via ai lavori di adeguamento sismico durante l'estate in modo da far ripartire le lezioni a settembre in totale sicurezza. Se così non fosse andrà trovata una nuova sede per le classi dell'asilo. Ad oggi continuare a fare lezione nell'edificio di Via San Fermo è infatti troppo rischioso per l'incolumità dei bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

  • Il sorriso di Claudia si spegne a soli 56 anni: fatali una malattia e il Covid

Torna su
TrevisoToday è in caricamento