Coronavirus: può essere recidivo?

Compiamo un grande sforzo, giorno dopo giorno, per schiacciare la piaga del Coronavirus. Hai considerato che il virus potrebbe essere recidivo?

Ci laviamo le mani come dei matti, puliamo le nostre case più che mai e in modo ossessivo, stiamo persino preparando il nostro disinfettante per le mani, poiché non c'è più nulla nemmeno sugli scaffali dei negozi. Stiamo anche praticando il distanziamento sociale nel miglior modo possibile, ma, si è davvero immuni, dopo aver avuto la sventura di contrarlo prima?

E se, tuttavia, dopo tutte le nostre precauzioni, ci capitasse di contrarre di nuovo il coronavirus? In generale, chiunque abbia una salute ragionevole, ha eccellenti possibilità di recupero. Ma cosa succede allora? Una volta che ci si riprende dal coronavirus, non significa che si possa avere comportamenti sconsiderati, abbandonando quelli tenuti forzatamente sino ad ora e oltre, senza doversi preoccupare. A differenza della varicella, una malattia che trasmette un'immunità naturale dopo la prima volta che la si contrae, il coronavirus è ostinato, nuovo, una malattia che può sicuramente sottoporci a reinfezione.

Il coronavirus potrebbe essere più letale la seconda volta

Puoi considerarti davvero immune, dopo esserti ripreso da un'infezione COVID-19? Alcuni rapporti dal Giappone e dalla Cina, sembrano suggerire il contrario. Vi sono casi acclarati di reinfezione, dei primi contagiati. Un incidente isolato? Non proprio: un rapporto della provincia cinese del Guangdong, ha mostrato che circa il 14% dei pazienti con coronavirus, ne è affetto di nuovo, dopo il recupero. Questi casi dimostrano effettivamente, che è possibile una nuova infezione da virus o è stato solo un errore nei test? Il soggetto, aveva un sistema immunitario particolarmente debole, in modo che non potesse generare immunità? Dopotutto, un caso può essere un'aberrazione, un'anomalia.

Secondo i medici cinesi, una seconda infezione da COVID-19 può rivelarsi molto più grave della malattia iniziale. È altamente possibile essere infettati una seconda volta, magari per abbattuti nel proprio sistema immunitario, dopo la prima fase della malattia.

La quantità di immunità che si accumula dopo essere stati esposti a qualsiasi virus, non dipende solo dal virus stesso, ma dalla sua risposta. Quando il sistema immunitario vede per la prima volta un particolare virus, può essenzialmente rimanerne intrappolato incapace di difendere il corpo da un nuovo invasore o il medesimo. Tuttavia, l'esposizione al virus attraverso un vaccino o l'infezione, può addestrare il sistema immunitario in modo da evaderlo.

Se abbastanza forte, il tuo sistema immunitario potrebbe essere pronto con adeguate difese la prossima volta che incontra il medesimo virus. I casi di reinfezione dunque potrebbero quindi essere esempi di persone che hanno avuto sistemi immunitari più deboli?

Il tuo sistema immunitario, deve ricordare il virus. Nel tempo, l'immunità può svanire, consentendo al virus di reinfettarti.  La domanda allora è: per quanto tempo il tuo sistema immunitario può ricordare? Non ci sono ancora abbastanza studi, riguardo la reazione che potrebbe avere il nostro sistema immunitario nel caso del COVID-19 e di quanto possa differire tra soggetto e soggetto.

Pertanto, per il momento, ci si deve affidare su studi relativi ad altri coronavirus e l’approssimazione più vicina, risulta essere il virus SARS originale che ha causato lo scoppio del 2002-2003.

I virus possono essere mutevoli e cambiare rapidamente. Nel tempo, il nuovo coronavirus, potrebbe mutare al punto che le nuove versioni, non sono più riconoscibili dal sistema immunitario come la versione originale. Dopotutto, le mutazioni sono probabilmente ciò che ha permesso al virus, di passare da un altro animale all'uomo.

Molti tentando di prevedere il decorso della pandemia, hanno ipotizzato che una volta che una percentuale sufficientemente elevata della popolazione complessiva, è stata infettata ed è diventata immune, la pandemia si placherà. La convinzione è che quando circa il 70% della popolazione è immune al virus, COVID-19 farà fatica a continuare a trasmettere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento