rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Attualità

Autonomia Veneto, Calderoli: «Approvazione della legge entro il 2023»

Lunedì 19 dicembre l'annuncio del Ministro: «Primi trasferimenti di funzioni alle regioni dal primo gennaio 2024». Esulta il Governatore Zaia: «Sarà la più grande riforma dopo la Costituzione del 1948»

«Arrivano buone notizie. Stiamo parlando della più grande riforma della storia dopo la Costituzione repubblicana del 1948 e del compimento dei dettami dei padri costituenti, che significa dare al Paese un’ossatura federalista».

Il presidente Zaia commenta così la tempistica indicata lunedì 19 dicembre dal Ministro Calderoli che, per la riforma autonomista, ha previsto i primi trasferimenti di funzioni nel 2024, con l’approdo in Consiglio dei Ministri entro il 2022 e l’approvazione della legge nel 2023. «Abbiamo tutti - prosegue Zaia - la volontà di fare le cose per bene e di rispettare ogni forma possibile e immaginabile di perequazione, affinchè nessuno venga penalizzato da una riforma importante come questa, che costituisce comunque l’unica via per dare a questo Paese una gestione e una visione di modernità. Oggi, il centralismo, abbinato all’assistenzialismo, ha creato un’Italia a due velocità, ed è ormai certificato che si tratta di un modello fallimentare. Con il federalismo - conclude il Governatore - non sono messe in discussione né la coesione, né tanto meno l’unità d’Italia. Non dimentichiamo mai che il federalismo è centripeto, cioè unisce, mentre il centralismo è centrifugo, quindi disgrega. Del resto basta prendere ad esempio una nazione come la Germania, che ha un’impostazione federalista e che ha scritto la sua Costituzione nello stesso periodo dell’Italia. Oggi la Germania ha in tutto il mondo un’immagine forte, autorevole e unitaria, la prova provata che il federalismo unisce e non disgrega».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autonomia Veneto, Calderoli: «Approvazione della legge entro il 2023»

TrevisoToday è in caricamento