Coronavirus: chiude il cantiere della terza corsia in A4

Lunedì 16 marzo la probabile sospensione dei lavori. Coinvolti molti lavoratori provenienti dal Veneto. Lo stop si è reso necessario per garantire agli operai le condizioni di sicurezza

Cantiere in A4 (Foto d'archivio)

Cantieri della terza corsia verso la chiusura. «Una decisione sofferta ma indispensabile – spiega il direttore operativo Enrico Razzini che è anche Responsabile Unico del Provvedimento per il Commissario -  per due ordini di motivi: il materiale che di fatto non arriva più e la situazione psicologicamente difficile delle maestranze, la maggior parte delle quali provengono da Veneto, Lombardia e dal Sud che desiderano rientrare a casa visto l’incremento dei casi di corona virus. Non soltanto: alcune  modalità di lavorazione, potrebbero essere di difficile attuazione rispettando le misure di prevenzione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sospensione dei lavori scatterà quasi certamente da lunedì. «Stiamo affrontando una situazione inimmaginabile, che definire complessa è un eufemismo – commenta il presidente di Autovie Maurizio Castagna – consapevoli che il nostro compito primario è quello di garantire, a chi nonostante tutto deve lavorare,  le più appropriate condizioni di sicurezza. In questo modo abbiamo cercato di mantenere, per quanto e’ stato possibile operativi i cantieri, così come intendiamo garantire l’operatività della Società per quanto riguarda la gestione dell’autostrada». La Concessionaria ha disposto anche la messa in ferie del proprio personale nella giornata di oggi (venerdì 13 marzo) per poter riorganizzare completamente l’attività operativa. «Il provvedimento -  spiega il direttore del personale Aldo Berti  – è stato adottato perché, alla luce dell’ultimo decreto, le misure precedenti non risultavano più sufficienti per tutelare prioritariamente la salute dei dipendenti, come previsto dall'articolo 1 del decreto». Il nuovo piano prevede il mantenimento in forza delle risorse necessarie per garantire il servizio pubblico essenziale, mentre per il restante personale verranno utilizzate le ferie arretrate, la banca ore ed eventuali ammortizzatori sociali. “In questo quadro – precisa Berti – potrebbe verificarsi un esubero di risorse, dovuto da un lato alla riduzione delle attività e dall'altro alla massimizzazione della sicurezza. Per questo ultimo intervento, la Società sta concertando con le Organizzazioni Sindacali, la sua decorrenza già da martedì 17 marzo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

  • Covid nelle scuole della Marca: 8 classi in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento