menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autostrada A4: chiusura tratti autostradali sabato notte e domenica mattina

Le operazioni saranno svolte quando gran parte del traffico di rientro dall’incontro Italia-Finlandia, in programma alla Dacia Arena di Udine, sarà defluito

Nuovo stop al traffico sull’autostrada A4, questa volta per consentire la demolizione del cavalcavia sulla strada provinciale 65 “Ungarica” da Fauglis a Bagnaria Arsa, la ripavimentazione di alcuni tratti del manto stradale e il rifacimento della segnaletica. Autovie Venete procederà a chiudere, dalla mezzanotte di sabato 23 alle ore 11,00 di domenica 24 marzo, i tratti Latisana – Bivio di Palmanova in direzione Trieste/Udine e Bivio Palmanova – Portogruaro in direzione Venezia. Nell’occasione verranno interdette ai veicoli anche le entrate ai caselli di Latisana e San Giorgio di Nogaro in entrambe le direzioni. Rimarrà chiuso il casello di Palmanova per chi è diretto a Venezia, aperto, invece, per chi dovrà dirigersi a Udine. Le operazioni - pianificate da tempo e non prorogabili per consentire l’accelerazione dei lavori per la costruzione della terza corsia – verranno effettuate al termine dalla partita Italia – Finlandia in programma nella serata di sabato 23 alla Dacia Arena, quando la gran parte del traffico di rientro dall’incontro sarà defluito. 

Il manufatto interessato dalla demolizione è in calcestruzzo armato ed è composto da tre campate, due pile e due spalle. Il cantiere verrà illuminato da due torri faro che verranno posizionate in corrispondenza delle corsie di emergenza. Nella fase di preparazione verrà smantellato il guardrail dell’autostrada - poi rimontato al termine dei lavori - per consentire l’accesso dei mezzi sul cantiere e verrà sparso uno strato di sabbia per attutire sullo stesso manto stradale la caduta del materiale e proteggerlo dall’usura dei cingoli degli escavatori. Saranno circa una decina i mezzi in funzione tra escavatori idraulici, pale gommate, mini pale, spazzatrici e autocarri. La squadra di escavatori dotati di cesoie e frantumatori provvederà a tagliare le travi, le pile e le spalle in cemento armato del cavalcavia. Terminata la demolizione dell’impalcato inizierà la fase di sgombero e pulizia della sede autostradale. Le pale gommate caricheranno i materiali di risulta derivanti dalla demolizione su autocarri che li scaricheranno nelle piazzole al di fuori della sede autostradale. Quindi si procederà al suo conferimento in un impianto di recupero regolarmente autorizzato. Nelle operazioni verranno impegnati circa 20 uomini. Saranno tre le ditte a operare nel cantiere.

Il nuovo cavalcavia costruito a est (direzione Trieste) dell’altro manufatto è composto da due travi continue in acciaio. Il manufatto presenta anche una pista ciclopedonale. La vecchia struttura sul collegamento Bagnaria Arsa – Fauglis presentava limitazioni al transito di mezzi con peso per asse superiore a 13 tonnellate mentre la nuova consentirà l’abolizione di questa prescrizione.Oltre alla demolizione del cavalcavia Autovie procederà nella notte anche al ripristino del manto stradale ammalorato nei punti in cui sono presenti i flessi (le deviazioni), alla pulizia dell’asfalto e al rifacimento della segnaletica orizzontale. 

A partire dalla mezzanotte, dopo la chiusura dell'autostrada, saranno attivi i percorsi alternativi. Chi proviene da Tarvisio ed è diretto a Venezia potrà uscire a Udine e proseguire per Basaldella, Zugliano, Mortegliano, Flambro, Madrisio, Canussio, Latisana, Portogruaro. Sempre nella stessa direzione chi proviene da Trieste dovrà uscire a Palmanova e proseguire per Cervignano, San Giorgio di Nogaro, Zellina, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Latisana, Portogruaro. Viceversa chi da Venezia è diretto a Trieste dovrà uscire a Latisana e proseguire per Palazzolo dello Stella, Muzzana del Turgnano, Zellina, San Giorgio di Nogaro e Cervignano. Chi, invece, è diretto a Udine utilizzerà il percorso alternativo che prevede l’attraversamento degli abitati di Fraforeano, Canussio, Madrisio, Bertiolo, Rivolto, Basagliapenta, Campoformido.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Tangenziale di Treviso: in arrivo due nuovi Targa System

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento