rotate-mobile
Attualità

Donazioni di sangue, exploit di richieste all'Avis per gli incontri scolastici

Si è registrato un incremento del 45% circa delle domande rispetto al 2021

Il Progetto Scuola di Avis Provinciale Treviso, dedicato a sensibilizzare le giovani generazioni sui temi della solidarietà, della donazione e della salute, ha registrato un vero e proprio exploit di richieste da parte degli istituti scolastici della Marca Trevigiana con un incremento del 45% circa delle domande rispetto al 2021. «Nel 2021 abbiamo incontrato circa 15.000 alunni per un totale di 777 classi raggiunte, quest’anno abbiamo già superato i 22.000 studenti partecipanti, tra interventi programmati e attività da pianificare nei prossimi mesi per un totale di 1.132 classi coinvolte» sottolinea Graziana Fuser, vicepresidente dell’Avis Provinciale di Treviso e responsabile del Progetto Scuola. 

I laboratori già programmati raggiungeranno entro maggio ben 9.923 studenti di 13 scuole dell’infanzia, 31 primarie, 17 medie e 16 superiori. Con l’inizio del 2023 l’Avis andrà a sviluppare e pianificare i progetti rimanenti, che riguarderanno altre 623 classi per quasi 12.500 alunni e alunne interessati. Un successo notevole, che Avis Provinciale sta gestendo andando a potenziare il numero di volontari coinvolti nelle diverse attività, tutte ad alto valore formativo, tarate in base all’età dei partecipanti e gestite da operatori professionisti. Si spazia dagli atelier di pittura creativa, alle letture di fiabe, dai laboratori sulle nuove tecnologie al teatro, all’apprezzatissimo Giocavis che aiuta a conoscere il ruolo dell’associazione nel reperire i volontari e nel coordinare la raccolta di sangue per non farlo mai mancare a chi ne ha bisogno. 

«L’impegno e l’attenzione alla promozione della donazione di sangue ed emocomponenti tra i banchi di scuola sono sempre presenti. Dopo il difficile periodo della pandemia, il nuovo fiorire di richieste da parte degli istituti scolastici del territorio costituisce un bel segnale di attenzione. Questo rinnovato slancio, con la crescita esponenziale delle domande di adesione al nostro Progetto Scuola, dimostra una crescente attenzione nel promuovere, attraverso momenti di incontro e formazione, i valori dell’altruismo e del senso civico tra le giovani generazioni» prosegue la vicepresidente Fuser. 

Il Progetto Scuola è sviluppato da Provinciale di Treviso con il coordinamento di Avis Regionale del Veneto e coinvolge oltre cento volontari che verranno aumentati con altri 20 volontari (i quali hanno dato la disponibilità a supportare gli operatori professionisti per riuscire a soddisfare tutte le richieste). L’iniziativa consta di un referente per ciascuna delle 89 Avis Comunali della Marca Trevigiana con l’aggiunta di cinque gruppi di zona (Treviso, Opitergino, Castellana, Montelliana e Sinistra Piave) chiamati a fare da collegamento tra gli istituti scolastici e l’associazione avisina, proponendo dei corsi formativi che spaziano dai 5 ai 18 anni. L’obiettivo di creare attraverso l’educazione e la condivisione di esperienze una cultura della donazione sempre più radicata tra i giovani destinati ad essere i futuri donatori, attenti e partecipi alla buona causa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donazioni di sangue, exploit di richieste all'Avis per gli incontri scolastici

TrevisoToday è in caricamento