Babbo Natale si ferma al Planck

I giovani del Leo Club Treviso hanno regalato alla scuola un sanificatore d'aria anti-Covid

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Babbo Natale si ferma al Max Planck e porta un sanificatore d’aria da mettere in aula contro la pandemia. I giovani della sezione Leo Club di Treviso hanno dimostrato così il proprio legame con la scuola di Lancenigo, molto presente e attiva nel territorio trevigiano. Questa mattina hanno consegnato alla dirigente dell’istituto tecnico e liceo scientifico Emanuela Pol uno ionizzatore a plasma freddo, prodotto dall’azienda Jonix srl del padovano; servirà per depurare l’aria delle aule da batteri e sostanze inquinanti e soprattutto dal famigerato virus Covid in tutte le sue varianti. Il dono è stato portato dalla presidente del Leo club Chiara Vidotto accompagnata da Nicola Lovisatti e da Alessio Zanotto. “E’ il nostro modo - spiega Vidotto - per far sentire apprezzamento e gratitudine ad una scuola che fa molto per il territorio, molto impegnata sul fronte tecnologico e che lascia molti ricordi positivi anche negli ex studenti”. A questo primo utilissimo congegno elettronico se ne aggiungeranno nei primi giorni dell’anno nuovo altri nove acquistati direttamente dall’istituto Max Planck per rendere più sano e respirabile il clima in classe. Saranno posizionati nelle aule più piccole per abbassare la concentrazione del virus e quindi ridurre il rischio di contagio tra studenti e insegnanti.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento