Sabato, 19 Giugno 2021
Attualità

La cultura non si ferma: la Biblioteca non ferma i servizi nemmeno in "zona gialla"

La biblioteca di Ponte di Piave si è attivata per garantire alcuni servizi all’utenza in seguito al decreto del 3 novembre scorso che ha chiuso i servizi al pubblico dei luoghi della cultura

L'interno della biblioteca comunale

«Dopo il lock down la Biblioteca comunale ha riaperto seguendo tutte le misure di sicurezza - spiega il sindaco Paola Roma – ora con la nuova chiusura ci sentiamo in dovere di stare vicini agli utenti garantendo i servizi di base». Sarà quindi possibile accedere al prestito veloce, prenotando telefonicamente o sul portale delle biblioteche trevigiane i libri desiderati e ritirandoli in biblioteca nei consueti orari, fissando un appuntamento o suonando il campanello. Per chi è abituato a scegliere i libri girando tra gli scaffali saranno disponibili dei “pacchetti sorpresa” scelti in base alle letture e al genere preferiti.

E’ stato poi attivato il prestito a domicilio, per raggiungere le persone che non possono muoversi da casa. «In questo periodo sono numerose le persone impossibilitate a muoversi dalla propria abitazione per le restrizioni anti Covid – spiega l’Assessore alla Cultura Stefania Moroa – così abbiamo pensato di attivare un servizio di consegna a domicilio dei libri prenotati impiegando il volontario del Servizio Civile. Se l’esperimento funziona valuteremo se mantenere il servizio anche a emergenza finita, per quelle persone che normalmente hanno difficoltà a spostarsi». Sono poi attivi i servizi digitali messi a disposizione dalla rete provinciale sul portale tvb.bibliotechetrevigiane.it: ebook, audiolibri, giornali e riviste on line. Tutte le informazioni sui servizi attivi sono disponibili sul sito del comune alla voce biblioteca o telefonando a 0422858948 e 04227599954.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cultura non si ferma: la Biblioteca non ferma i servizi nemmeno in "zona gialla"

TrevisoToday è in caricamento