Domenica, 25 Luglio 2021
Attualità Piazza Martiri d. Libertà

Animalisti in azione: scritte choc contro il parroco di Sernaglia

Sul portone della chiesa arcipretale, l'associazione 100% Animalisti ha affisso una foto con pesanti insulti contro don Mirko della Torre per le sue frasi a favore dei circhi con animali

Il manifesto appeso sul portone della chiesa di Sernaglia della Battaglia (Credits: 100% animalisti)

Mirko della Torre, parroco di Sernaglia della Battaglia, è finito ancora una volta nel mirino dell'associazione "Centopercentoanimalisti" per aver dato alle stampe un libro nel quale, secondo i militanti dell'associazione, il sacerdote sosteneva che gli animali nei circhi non sono maltrattati. Frasi che avevano portato gli animalisti a organizzare un presidio di protesta in paese, annullato a causa del lockdown.

Nella notte tra martedì 9 giugno e mercoledì 10 giugno, l'associazione è tornata alla carica e ha affisso sul portone della chiesa in piazza dei Martiri a Sernaglia della Battaglia, un manifesto con frasi molto pesanti e offensive indirizzate al parroco del paese. «Il parroco di Sernaglia sostiene che in 20 anni non ha mai visto casi di maltrattamento: certo i circensi non maltrattano gli animali in presenza di testimoni. Ma le botte, la fame, le scosse elettriche, gli uncini sono i mezzi abitualmente usati, per loro stessa ammissione - dichiarano i rappresentanti di "Centopercentoanimalisti" - Dalla Torre è responsabile diocesano e triveneto della Pastorale del Circo, quindi deve mantenere buoni rapporti con il suo “gregge”. Noi la pensiamo diversamente: e sia chiaro che non ce l’abbiamo con il circo in sé, ma con l’uso, abuso e sfruttamento degli Animali nei circhi. I quali Animali dovrebbero essere anch’essi creature del signore, no, don Mirko? Ma forse la sostanza del discorso è quello che proprio lei dice: gli animali “attirano gente”. Cioè, soldi» concludono gli attivisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animalisti in azione: scritte choc contro il parroco di Sernaglia

TrevisoToday è in caricamento