Coronavirus, Treviso ricorderà il bombardamento del 7 aprile 1944

Interventi in streaming e tv del sindaco Mario Conte e del Vescovo Tomasi. Il tenore Francesco Grollo canterà nella Chiesa di San Francesco in uno speciale omaggio a porte chiuse

Foto d'epoca del bombardamento di Treviso

Il 7 aprile ricorre la Commemorazione del bombardamento aereo della Città di Treviso, avvenuto nel 1944, che provocò circa 1.600 vittime fra i civili e la distruzione quasi totale del patrimonio edilizio. 

Quest’anno, alla luce delle misure d’urgenza previste dal Governo per arginare e limitare il contagio da Coronavirus, è previsto un programma con interventi delle autorità cittadine e un concerto “a porte chiuse” nel Tempio di San Francesco. Le cerimonie inizieranno alle 9, con il sindaco Mario Conte che si recherà alla Cappella Ossario della Chiesa Votiva per un momento di preghiera. Alle 13.05, momento in cui iniziò il bombardamento, ci saranno invece i solenni rintocchi della Campana della Torre Civica, in una Piazza dei Signori vuota, con il primo cittadino che, dopo aver ricordato simbolicamente le vittime del bombardamento e dell’emergenza sanitaria rivolto verso il simbolo e punto di riferimento della Città, interverrà con un messaggio alla cittadinanza da Ca’ Sugana, trasmesso online e in tv su Antennatre, dopo il discorso del Vescovo della Diocesi di Treviso Michele Tomasi, anch’esso in streaming. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguire, alle 13.22, il grande tenore trevigiano Francesco Grollo, nella Chiesa di San Francesco, da solo e a nome di tutti i cittadini, abbraccerà con la sua arte la Croce, le contrarietà del tempo presente, e grazie alla forza del suo canto interpreterà, fra gli altri, l’Ave Maria di Bach-Gounod in latino e il Pater Noster accompagnato dal Maestro e organista Antonio Camponogara. Nella giornata saranno inoltre issate a mezz’asta le bandiere della Città di Treviso e deposte tre corone – da parte dei soli fioristi incaricati - nella Cappella Ossario della Chiesa Votiva, una alla lapide delle vittime civili di Guerra (ore 9.30) e una al tempio “alla Madonnetta” nella Strada delle Acquette di Santa Maria del Rovere (ore 10.30). Alle 20, invece, verrà illuminata con luci celesti la facciata della sede municipale di Ca’ Sugana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento