Venerdì, 25 Giugno 2021
Attualità

Discarica di Castagnole, dalla Regione quasi tre milioni di euro per la bonifica

La Giunta del Veneto ha stanziato 2 milioni e 710mila euro al Comune di Paese per un importante intervento di bonifica dell’ex discarica "Ecoidrojet". Il commento dell'assessore Bottacin

L'assessore Bottacin

Su proposta dell’assessore regionale Gianpaolo Bottacin, la Giunta del Veneto ha finanziato con un contributo di 2 milioni e 710mila euro il Comune di Paese per un importante intervento di bonifica dell’ex discarica "Ecoidrojet" nella frazione di Castagnole.

Già da tempo, infatti, gli enti di controllo avevano constatato una contaminazione delle acque di falda a valle del sito. La Provincia di Treviso, con proprio atto del 2012, aveva invitato il Comune (Ecoidrojet nel frattempo era fallita) ad attivare gli interventi di bonifica in via sostitutiva ai sensi della normativa prevista dal Decreto legislativo 152/2006 e a porre in essere le pratiche gestionali idonee a impedire il deterioramento delle matrici ambientali interessate dalla presenza della discarica stessa.

«Il Comune ha provveduto ad attivare una specifica conferenza di servizio con gli enti competenti - spiega l’assessore Bottacin - a seguito della quale è stato approvato il progetto esecutivo per la messa in sicurezza permanente e il monitoraggio di tale sito, integrato per una gestione decennale. Il progetto costituisce un intervento sostitutivo e prevede in particolare la manutenzione della copertura della discarica e delle opere di sgrondo acque, il monitoraggio dell’area e la gestione del percolato. Nei mesi scorsi il Comune ci ha inviato una richiesta di contributo - prosegue l'assessore - per poter dare seguito ai lavori evidenziati nel progetto, che riguarda un’area di oltre 52mila metri quadri. Vista la rilevanza di tale intervento, abbiamo perciò deliberato di mettere a disposizione dell’Amministrazione comunale ben 2 milioni e 710mila euro. È una cifra importante, che va a coprire praticamente l’intera spesa prevista. A creare pressione sulle matrici ambientali circostanti e sul sito è principalmente il percolato, presente all’interno del corpo discarica. Da qui la necessità di asportarlo, al fine di evitare nel tempo una contaminazione delle acque sotterranee. «Nel nostro percorso di finanziamento - conclude l’assessore Bottacin - ci siamo ovviamente mossi seguendo un approccio altamente scientifico, partendo dall'anagrafe dei siti contaminati, predisposta dal nostro braccio operativo rappresentato da Arpav, e proseguito, poi, con il conseguente lavoro degli uffici regionali sulla base di ulteriori elementi di raffronto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discarica di Castagnole, dalla Regione quasi tre milioni di euro per la bonifica

TrevisoToday è in caricamento