menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Monte Grappa: riaperta la strada provinciale Generale Giardino

Un intervento a tempo di record dopo le preoccupanti frane che nel mese di maggio avevano interessato la zona del Grappa portando alla chiusura forzata della strada provinciale

BORSO DEL GRAPPA Dopo gli eventi atmosferici che nel mese di maggio avevano colpito il massiccio del Grappa, la strada provinciale 104, “Generale Giardino”, era stata chiusa per rimettere in sicurezza il tratto di strada dalle frano che lo avevano interessato. 

A seguito del sopralluogo del presidente della Provincia, Stefano Marcon, con il sindaco di Borso del Grappa Flavio dall’Agnol, si era deciso di siglare un accordo tra l’amministrazione provinciale di Treviso, il Comune di Borso del Grappa e l'Unione montana del Grappa, per l’urgente reperimento delle risorse necessarie che hanno consentito di affidare alla ditta vicentina specializzata Gheller un intervento di disgaggio e difesa dai massi pericolanti. La tutela dell’incolumità e il rapido ripristino della viabilità si era reso necessario anche a seguito dei gravi disagi causati ai malgari della zona che proprio in questa stagione trovano fonte di reddito per i prodotti tipici, le attività agrituristiche e i lavoratori di montagna. L’isolamento della strada impediva inoltre a tanti sportivi e turisti provenienti da tutta Italia e dall’estero di raggiungere il Sacrario di Cima Grappa. “Un lavoro a tempo di record – dichiara il presidente della Provincia Stefano Marcon – l’esempio di come le istituzioni dovrebbero sempre rispondere alle necessità e alle richieste di sicurezza. In questo caso è andata bene e ringrazio quanti hanno collaborato per trovare le risorse che hanno permesso questo intervento eccezionale che non poteva essere procastinato. I sentimenti sono però contrastanti; da una parte l’orgoglio e la gratitudine per le opere realizzate in condizioni davvero difficili, dall’altra il senso di umiliazione nel dover chiedere aiuto per non avere risorse da destinare a quello che sarebbe compito precipuo della Provincia, perché i finanziamenti tardano ad arrivare.” “Devo ringraziare tutto il consiglio comunale – commenta invece il sindaco di Borso del Grappa – che in modo unitario ha accolto la richiesta di partecipazione alle spese di messa in sicurezza così urgenti per i nostri produttori di Morlacco e Bastardo del Grappa, per gli agriturismi, per tutte le attività collegate e vitali del nostro territorio.”

“Un risultato ed un esempio di efficienza ed efficacia mai visto in tanti anni – aggiunge Mares, presidente dell’Unione montana del Grappa -  un esempio di grande sinergia tra istituzioni e buona governance”. “Sarà necessario tenere monitorato costantemente lo stato delle strade sul Grappa – aggiunge Marcon – frutto di eredità militari lasciate in condizioni non ottimali. Già per il passato si sono effettuati degli interventi e l’opera di mappatura non può fermarsi. Abbiamo richiesto finanziamenti alla Regione per poter garantire la viabilità e ricordo che è stata ripristinata anche la strada S.P. 141 che collega le malghe e non solo la S.P. 140 per Cima Grappa".

Reti paramassi-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Si finge fruttivendolo, deruba un 61enne e fugge

  • Attualità

    Giornata della memoria: le iniziative a Treviso e provincia

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento