rotate-mobile
Attualità Breda di Piave

Breda, il sindaco replica alle minoranze: «Ristabiliamo la verità»

In una lettera alla nostra redazione il sindaco di Breda di Piave, Cristiano Mosole, replica punto per punto agli attacchi sferrati da "Civica per Breda" nei giorni scorsi

Una minoranza deve fare il suo lavoro, senza dubbio, provando a farlo con stile, serietà e cognizione di causa. Le febbricitanti dichiarazioni rilasciate sui quotidiani attestano che quella bredese, capitanata dall’ex assessore Zanette, è purtroppo manchevole. E sottolineo purtroppo, perché da chi era in maggioranza fino all’altro ieri ci si aspetterebbe molto di più di un voler apparire a tutti i costi. Basta infatti guardare la registrazione del consiglio comunale dello scorso 27 febbraio (disponibile sul canale youtube del Comune) o leggere i verbali della discussione per rendersi conto non solo che il bilancio è stato ampiamente argomentato e spiegato, ma anche della differenza di atteggiamento. Perciò due sono le cose: o Zanette e il suo gruppo non sono stati in grado di capire o stanno mettendo in piedi la classica polemica strumentale di bassa fattura. Certo, siamo noi i primi a dire che non siamo soddisfatti del bilancio approvato ma questo è quanto è stato possibile fare quale base di partenza con le risorse a disposizione: lo hanno riconosciuto pure loro. E certamente interverremo strada facendo per migliorarlo e rispondere alle esigenze, tempo al tempo. Lasciatemi però dire che fa sorridere la contestazione sull’aumento di 30 euro annuali (che possono poi essere scontati in base all’ISEE) sul trasporto scolastico, resosi necessario a fronte dell’aumento ben più consistente applicatoci dalla MOM (ulteriori 8mila euro, con l’aumento ne copriamo poco meno di 3mila), quando la stessa Zanette lo voleva applicare l’anno scorso, salvo poi rinunciare per non rischiare di perdere voti, vista l’imminente campagna elettorale. Tra l’altro lo stesso ex sindaco Rossetto ha definito il costo del trasporto scolastico (complessivi 110mila euro) non sopportabile per un bilancio quale quello del nostro comune (senza però aver mai fatto nulla a riguardo nei suoi anni da sindaco). Che dire su contributi ad asili e associazioni: fermo restando che per il nido integrato il contributo è non solo previsto ma raddoppiato (30 mila euro, glielo abbiamo specificato due volte in consiglio comunale), loro precedenti bilanci erano comunque usciti nelle stesse condizioni, perciò di cosa stiamo parlando? Capitolo opere pubbliche. Vero, attualmente il piano non contiene nulla di nuovo, ma può essere modificato in qualsiasi momento, non appena si hanno nuove risorse. E avrebbe contenuto altri interventi se non avessimo dovuto aggiungere ulteriori 820mila euro per la sistemazione della scuola primaria di Saletto. Come mai su questo Zanette tace? Eppure è uno dei tanti regali che ci ha lasciato, a causa della leggerezza con la quale hanno gestito la questione: se alla ditta incaricata avessero fatto rispettare i tempi anzichè concedere proroghe quei soldi li staremmo spendendo per altro. Potrei continuare ma mi fermo qui, perché mi interessa ristabilire la verità e non alzare ulteriore polverone. Perchè la nostra squadra crede fermamente che Breda abbia bisogno di fare fronte comune, per crescere e svilupparsi, non di sterili polemiche. Su queste basi stiamo lavorando e saremo sempre disponibili al confronto e alla collaborazione con chiunque. Per la nostra comunità. Il sindaco, Cristiano Mosole

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Breda, il sindaco replica alle minoranze: «Ristabiliamo la verità»

TrevisoToday è in caricamento