Buoni spesa, 90 richieste presentate: assalto ai servizi sociali

E' successo lunedì 6 aprile a Montebelluna. Nella sede di Casa Roncato sono arrivate una novantina di richieste ma molti cittadini non avevano nemmeno i requisiti

In foto Casa Roncato a Montebelluna

E’ attivo da lunedì mattina, 6 aprile, il nuovo servizio per l’assegnazione dei buoni spesa per l’acquisto dei generi alimentari di prima necessità e dei farmaci rivolto alle persone in difficoltà nel Comune di Montebelluna.

Gli uffici comunali, in tempi record, hanno predisposto le procedure, l’avviso è stato pubblicato nel sito comunale, gli uffici dei Servizi sociali sono stati potenziati richiamando persone in servizio per riuscire a distribuire in tempi rapidi i buoni, e diverse attività commerciali stanno già aderendo. La procedura è la seguente: chi è in difficoltà può chiamare il numero 0423 617589 o 0423 617590, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle 13 e dalle ore 14:30 alle ore 18, oppure scrivere una e-mail a buonispesacovid@comune.montebelluna.tv.it e ottenere da parte del personale dei Servizi sociali le risposte sulle dichiarazioni da fare e i documenti da presentare, mentre i buoni saranno consegnati direttamente a domicilio dai volontari della Protezione civile. La gestione a distanza serve per evitare assembramenti pericolosi per la diffusione del virus. Questa mattina però, lunedì 6 aprile, si è venuta a creare una situazione incresciosa presso i Servizi sociali di Montebelluna che, nelle prime due ore di apertura, hanno ricevuto una novantina di richieste che in parte sono state avanzate a voce da soggetti che si sono presentati presso la sede di Casa Roncato, creando un assembramento che gli operatori dei Servizi sociali hanno dovuto disperdere. Fra queste – purtroppo - ce n’erano diverse che non hanno alcun titolo per chiedere il sussidio.

Il sindaco Marzio Favero commenta la notizia con queste parole: «I nostri dipendenti dei Servizi sociali insieme ai volontari della Protezione civile ci stanno mettendo il cuore per riuscire a dare una risposta immediata alle persone in difficoltà ma deve essere chiaro che di questo si tratta: di un aiuto riservato a quelle famiglie che hanno problemi economici sia per cause pregresse sia per cause dovute all'emergenza Coronavirus. Amareggia constatare che qualcuno si fa vivo per chiedere i buoni spesa senza trovarsi in tali condizioni. Cito un caso per tutti: quello di un 70enne che continua a godere della pensione con cui ha sempre vissuto, che può avere anche il supporto della famiglia ma che questa mattina pretendeva di avere i buoni. Mi dispiace come sindaco di essere costretto al ruolo antipatico di colui che deve richiamare queste persone al rispetto delle regole, del senso di responsabilità e soprattutto del buon senso perché così si costringono gli operatori dei Servizi sociali a perdere tempo che potrebbe essere più utilmente speso per dare rispose alle persone che stanno davvero soffrendo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parcheggi gratis a Montebelluna

Su istanza del presidente del consiglio comunale, Adriano Martignago, condivisa con i capigruppo di maggioranza, con quelli di minoranza e con i consiglieri di maggioranza, il sindaco Marzio Favero ha firmato lunedì 6 aprile un’ordinanza che rende gratuiti i parcheggi in centro a Montebelluna fino alla fine dell’emergenza Covid-19. Lo scopo della scelta è quello di non complicare la vita delle persone che si recano in centro non per svago, per fare shopping o andare al bar, ma perché costretta ad andare ai in farmacia o presso qualche altro ufficio pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento