Buoni spesa, quasi 95mila euro per aiutare le famiglie di Villorba

La somma di 94.892,70 euro, stanziata per far fronte alle necessità alimentari di nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza Covid-19, è stata inserita a bilancio

Marco Serena, sindaco di Villorba (Foto d'archivio)

Sulla base del Dpcm del 29 marzo scorso per l’emergenza Coronavirus sono state assegnati al Comune di Villorba 94.892,70 euro. Tale somma è stata contabilizzata nel bilancio dell’Ente a titolo di misura urgente di solidarietà alimentare.

«L’importo assegnato dal Governo - spiega Silvia Barbisan - è stato determinato calcolando il numero della popolazione residente e della distanza tra il valore del reddito pro capite di ciascun Comune e il valore medio nazionale». «Abbiamo attivato gli uffici - conferma il sindaco Marco Serena - per impiegare le risorse assegnate sia attraverso l’acquisizione di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari e di prima necessità da parte delle famiglie in situazione di difficoltà a seguito dell’emergenza, sia mediante acquisizione e distribuzione di pacchi alimentari e beni di prima necessità in collaborazione con associazioni di volontariato presenti sul territorio: nello specifico, ad esempio, alle Caritas parrocchiali del Comune sono stati assegnati 10mila euro (in due tranche)».

«Il Comune di Villorba - spiega Francesco Soligo, assessore al sociale - ha già pubblicato sul sito ufficiale e sulla pagina Facebook quali siano le regole, i criteri e le modalità per la concessione di buoni spesa ai nuclei familiari e ai cittadini che li richiedano. In particolare i cittadini devono documentare una condizione di assoluto e/o momentaneo disagio che non permetta loro di approvvigionarsi dei generi di prima necessità e di non disporre di una giacenza bancaria/postale, alla data del 29.03.2020, superiore alla soglia di 5mila euro». L’importo del buono spesa una tantum sarà poi rapportato al numero dei componenti del nucleo familiare (da 1 a 2 persone fino a 300 euro; da 3 a 4 persone fino a 400 euro, 5 o più persone fino a 500 euro). I buoni, il cui importo sarà calcolato proporzionalmente alla situazione economica di ogni singolo nucleo, saranno assegnati sulla base delle seguenti priorità: famiglie o persone singole con entrate limitate e scarsa liquidità non già assegnatari di sostegno pubblico (RdC, Rei, Naspi, indennità di mobilità, CIG, altri aiuti a livello locale o regionale); nuclei monogenitoriali privi di reddito; nuclei con familiari con gravi disabilità, con patologie certificate; nuclei con minori; nuclei familiari monoreddito nei casi ammessi di richiesta sostegno al reddito; persone segnalate dal terzo settore nell’ambito del contrasto alla povertà; persone senza reddito; in presenza di risorse sulla base di specifica analisi che verrà effettuata dai Servizi Sociali del Comune. I buoni spesa sono validi esclusivamente per acquisti di generi alimentari o di beni di prima necessità e andranno consumati entro il 31 maggio 2020. Le spese potranno essere effettuate negli esercizi convenzionati con il Comune più vicini a casa: Biosapori, Naturasì, La Boutique Di Massimo, Green Market Di Verde Angelo, Il Pane Di Poppy, L'arte Del Pane, Latteria Di Soligo, Latteria Sant’andrea, Crai Di Fontane, Macelleria Bettello Giuliano, Manzani Loris, Mion Danilo, Pam Panorama, Panificio La Fontana, Macelleria Pizzolon, Profumo Di Pane, Dal Biaviariol, Tutto Per Tutti, Famila, Cadoro, Nonno Andrea, In’s Mercato, Farmacia Di Fontane, Farmacia Di Carità. Per maggiori informazioni e per scaricare bando e moduli: www.comune.villorba.tv.it . I servizi sociali del Comune saranno reperibili con questi orari: Lunedì-venerdì ore 8-14; lunedì e mercoledì 15-17:30. Telefono: 04226179812 04226179822

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento