Vittorio Veneto, al via i buoni spesa: 13 trattori sanificano le strade

Il Comune pubblica il bando destinato ai commercianti che intendono aderire all'iniziativa mentre Coldiretti ha messo in strada i suoi trattori per pulire le strade del paese

I buoni acquisto destinati alle persone con problemi economici causati dall'emergenza Coronavirus stanno per essere resi disponibili anche a Vittorio Veneto. I destinatari potranno servirsene per comprare alimenti e generi di prima necessità.

Al Comune di Vittorio Veneto sono stati destinati 149mila euro. A seguito di tale ordinanza, l’amministrazione comunale ha dunque provveduto a pubblicare un avviso pubblico e un modello di domanda per la manifestazione di interesse da parte degli esercizi commerciali e delle attività interessate ad aderire all'iniziativa che prevede la fornitura a domicilio e senza maggiorazione di spesa, di prodotti alimentari e beni di prima necessità tramite buoni spesa erogati in favore di soggetti economicamente svantaggiati per l’emergenza Covid-19. «I cittadini - spiega il Vice Sindaco Gianluca Posocco – potranno quindi spendere i buoni che riceveranno solamente negli esercizi che aderiranno alla campagna e che figureranno in un apposito elenco. I commercianti che aderiranno, provvederanno alla consegna a domicilio della spesa senza oneri aggiuntivi». I negozianti e gli operatori economici interessati ad esservi iscritti, dovranno presentare apposita domanda, utilizzando la modulistica scaricabile dal sito internet istituzionale del Comune www.comune.vittorio-veneto.tv.it. La domanda, corredata da copia di un documento valido, andrà inviata tramite pec al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: pec.comune.vittorioveneto.tv@pecveneto.it.

In mancanza di pec sarà possibile spedirla anche all’indirizzo mail protocollo@comune.vittorio-veneto.tv.it. Solo nel caso di motivata impossibilità sarà possibile consegnarla a mano o tramite servizio postale, all’Ufficio Protocollo del Comune di Vittorio Veneto in Piazza del Popolo, 14. Non è prevista nessuna scadenza per la presentazione delle domande. Il Comune stilerà l’elenco con i nominativi degli esercenti disponibili che sarà consultabile dal sito internet istituzionale www.comune.vittorio-veneto.tv.it e verrà aggiornato con le attività aderenti una volta a settimana, indicativamente nella giornata di mercoledì. Per informazioni è possibile contattare l’Ufficio Attività Produttive del Comune allo 0438 569242 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12. Parallelamente i cittadini interessati ad ottenere i buoni spesa dovranno presentare la richiesta tramite il modulo di autocertificazione disponibile sul sito del Comune, corredato da fotocopia del documento di identità e inviarlo a buonospesa@comune.vittorio-veneto.tv.it  entro e non oltre il 15 maggio alle ore 12.30. In alternativa, potrà essere consegnato sempre entro il 15 maggio alle ore 12.30 presso l’ufficio dei Servizi Sociali con sede in Via Giosuè Carducci n. 28 – Vittorio Veneto. L’assessore al Sociale Antonella Caldart specifica che: «sarà data la precedenza ai nuclei familiari con disoccupati o inoccupati, dipendenti o autonomi, in difficoltà a causa dell’emergenza. Possono però presentare domanda anche le persone in dichiarato stato di difficoltà economica - già disoccupate prima dell’attuale crisi legata al Cornavirus, - i lavoratori in cassa integrazione oppure quanti siano già in carico ai Servizi sociali così come anziani in difficoltà. Invito i cittadini interessati - conclude Caldart - a inviare subito la richiesta, cosicché già dalla prossima settimana possiamo iniziare a recapitare i primi buoni, previa verifica del diritto ad averli». I buoni prevedono il contributo settimanale di 60 euro per 1 persona, 90 per due, 150 per tre, 180 per quattro e 210 da 5 componenti e più. «In questo modo - spiega il sindaco Antonio Miatto - abbiamo voluto favorire i nuclei familiari con figli, pensando alle spese, anche ingenti derivanti dall'acquisto di alimenti o di cose specifiche dei più piccoli come i pannolini. La scelta di consegnare i buoni a domicilio – conclude il Sindaco - è dettata dalla volontà di evitare lo spostamento delle persone che così non solo riceveranno i buoni a casa, ma, una volta fatto l’ordine, riceveranno la spesa a domicilio».

PHOTO-2020-04-03-11-40-02-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strade sanificate con i trattori

Task force di Coldiretti per la sanificazione delle strade di Vittorio Veneto. Sono stati ben 13 i trattori che ieri hanno partecipato ad una prima operazione per le strade vittoriesi. A guidare i soci Coldiretti Gianni Dam e Marco Bevilacqua, rispettivamente presidente e capo zona della Coldiretti di Vittorio Veneto. «Diamo ai nostri sindaci la disponibilità dei nostri mezzi per aiutare nelle eventuali operazioni di sanificazione dei centri urbani» ribadisce Giorgio Polegato, presidente di Coldiretti Treviso che ha aderito alla mobilitazione nazionale proposta dal presidente nazionale Ettore Prandini che vede i trattori degli agricoltori mettersi a disposizione per sanificare strade e piazze con la distribuzione di acqua disinfettante grazie all’uso di irroratori, nebulizzatori e atomizzatori. Coldiretti per combattere l’emergenza sanitaria del Coronavirus ha lanciato un appello a tutti gli associati affinché si rendano disponibili nei confronti delle autorità competenti per contribuire alla più ampia opera di bonifica mai realizzata prima. «I nostri associati hanno subito risposto presente dimostrando il loro grande cuore» sottolinea Polegato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Muore poco prima dell'intervento estetico, due medici sotto inchiesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento