Ca' del Galletto, raggiunto l'accordo: «I 9 lavoratori licenziati saranno pagati»

Chiusa in nemmeno un mese la vertenza con la proprietà dello storico albergo alle porte di Treviso. La Filcams Cgil di Treviso: «Percorsi di ricollocamento per i lavoratori»

Ca' del Galletto

Grazie all’accordo raggiunto con la Filcams Cgil di Treviso, chiusa la vertenza Ca’ del Galletto con l’impegno della proprietà a pagare tutte le spettanze arretrate, un incentivo all’esodo e la rateizzazione del Tfr in sei mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La situazione non era delle più semplici ma siamo riusciti ad arrivare a un valido accordo con un riconoscimento economico per i 9 lavoratori che abbiamo assistito. Ora per queste figure professionali però bisogna programmare dei percorsi di formazione e di ricollocamento nel mercato del lavoro - afferma il segretario generale della Filcams Cgil di Treviso, Alberto Irone - Dentro lo scudo del Decreto Rilancio, ovvero del blocco dei licenziamenti, siamo riusciti a gestire questa particolare situazione dettata dalla decisione della proprietà di Ca’ del Galletto di chiudere l’attività alberghiera – spiega il segretario generale - Non è stato semplice ma siamo riusciti per i 9 lavoratori che abbiamo assistito nel corso di questa delicata vertenza di arrivare alla firma di un accordo che contempla un incentivo all’esodo oltre all’impegno della proprietà a pagare tutte le spettanze arretrate e a liquidare entro sei mesi il Tfr accantonato. Un accordo che prevede dunque un riconoscimento economico ai lavoratori dopo la doccia fretta del licenziamento con il rischio di fallimento della struttura alberghiera - aggiunge Irone - Ora per loro che, insieme ai lavoratori di Villa Nenzi e dell’Hotel Scala, sono tra i primi 40 addetti del settore turistico che hanno perso il lavoro a seguito dell’emergenza sanitaria, di concerto con le associazioni di categoria attraverso l’azione degli enti bilaterali, si dovranno aprire dei percorsi di ricollocamento e di formazione, al fine di non perdere le professionalità che il turismo della Marca ha da sempre espresso in termini di qualità degli standard dei servizi alberghieri e ricettivi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento