Ancora grave il 16enne colto da un malore: resta in coma farmacologico

La famiglia e tutta la comunità di Resana sperano che il giovane colpito da un'emorragia cerebrale, possa risvegliarsi nelle prossime ore. Intervista al sindaco Stefano Bosa

Sono ore di grande apprensione a Resana: il calciatore 16enne, giovanissimo difensore nella formazione Under17 della sqadra di calcio Lr Vicenza, è ancora in coma farmacologico all'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Nella notte tra lunedì 21 e martedì 22 aprile era stato sottoposto a un intervento durato ben 7 ore per rimuovere l'emorragia cerebrale che l'aveva colpito. L'operazione sembra essere andata a buon fine ma ora medici e familiari stanno aspettando che passino 72 ore per poter provare a risvegliare il giovane dal coma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ragazzo continua a lottare tra la vita e la morte mentre tutta Resana fa il tifo per lui. Abbiamo contattato telefonicamente il sindaco Stefano Bosa che, ai nostri microfoni, ha spiegato come il giovane sia figlio di un consigliere comunale e amico di lunga data. «La notizia mi ha lasciato senza parole - esordisce Bosa - è una giovane promessa del nostro Comune, un talento del calcio trevigiano: amici e conoscenti lo chiamano "La Roccia" per il suo fisico sempre allenato. I medici hanno detto che si è trattato di un malore congenito che avrebbe potuto sorprenderlo ovunque. Il caso ha voluto che lui si sia sentito male in casa e l'intervento immediato del papà che ha allertato i soccorsi, potrebbe essergli stato provvidenziale». Il sindaco Bosa racconta che la famiglia, negli ultimi tempi, era già rimasta segnata da una grave tragedia familiare. «All'incirca un mese fa - spiega il primo cittadino - il nonno paterno del ragazzo era morto a causa di un tumore e, come se non bastasse, proprio oggi (mercoledì 22 aprile) la nonna materna, 90enne, è stata operata al femore dopo un grave incidente domestico». Due notizie terribili, aggravate dall'improvvisa emorragia capitata al giovane calciatore. Il sindaco Bosa ha fatto visita ai genitori del calciatore proprio in queste ore: «Ho voluto portargli non solo la mia vicinanza ma anche quella di tutto il paese che sta vivendo ore di grande angoscia nella speranza che lui possa riprendersi al più presto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento