menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oderzo e Mogliano Veneto: al via la nuova campagna anti-zanzare

Giovedì 20 settembre è iniziata in tutto il territorio regionale la nuova campagna finalizzata all'applicazione del Piano regionale contro la diffusione del virus West Nile

MOGLIANO VENETO E’ iniziata giovedì 20 settembre, nei comuni di Mogliano Veneto e Oderzo, la campagna di disinfestazione straordinaria contro le zanzare in applicazione del Piano Regionale Straordinario di Disinfestazione e delle  indicazioni tecniche fornite dalla Ulss.

La prima fase del Piano dà importanza all'aspetto larvicida, con azione abbattente sulle larve presenti nei tombini stradali e in quelli situati nei cimiteri e nelle scuole di ogni ordine e grado, la seconda fase prevista si focalizzerà sull'aspetto adulticida, con particolare attenzione alle aree sensibili quali parchi, aree verdi, scuole e impianti sportivi. Questo perchè la fase adulticida ha valenza se cominciata dopo aver compiuto la lotta larvicida sul territorio per garantire che l'effetto abbia comunque un risultato importante. La programmazione prevede la lotta larvicida da giovedì 20 settembre, mentre la fase adulticida invece inizierà da martedì 25 settembre. La campagna di disinfestazione sarà attuata dalla ditta Sgd Group Srl. In un avviso alla popolazione, il Sindaco Carola Arena raccomanda di mantenere alcuni comportamenti ritenuti indispensabili alla tutela della salute pubblica ed alla riuscita della campagna. Negli spazi di propria competenza, quindi, i cittadini sono invitati a svuotare giornalmente qualsiasi contenitore di uso comune con presenza di acqua e, ove possibile, lavarli o capovolgerli (ad esempio: bacinelle, bidoni, secchi, annaffiatoi, piccoli abbeveratoi ect); tenere chiusi, o coperti con reti tipo zanzariere i contenitori d’acqua inamovibili (ad esempio: bidoni e fusti, cisterne in cemento, etc.); trattare in forma preventiva e periodica le caditoie ed i tombini presenti in giardini, cortili e nelle aree esterne di pertinenza degli edifici con prodotto disinfestante larvicida. La periodicità dei trattamenti deve essere congruente alla tipologia del prodotto usato, secondo le indicazioni riportate in etichetta; è opportuno che il trattamento venga ripetuto dopo ogni pioggia di forte intensità.

E’ in atto in questi giorni anche ad Oderzo un intervento straordinario di disinfestazione che la Regione Veneto ha voluto finanziare per contrastare la proliferazione di zanzare nella stagione in corso, che ha comportato un aumento di casi umani risultati positivi al virus West-Nile. Il piano straordinario, indicato dall’Ulss 2 Marca Trevigiana al Comune di Oderzo, va ad integrare gli interventi ordinari che sono già in esecuzione dall’inizio dell’estate con cadenza trisettimanale: larvicida sulle caditoie di tutti i centri abitati del capoluogo e delle frazioni, e adulticida in tutte le aree verdi pubbliche del Comune. Il piano straordinario verrà completato il giorno 22 settembre e prevede i seguenti interventi: trattamenti larvicidi sulle caditoie stradali e sui fossati nei centri abitati e per un chilometro di distanza oltre gli stessi; trattamenti adulticidi su aree sensibili quali parchi pubblici, viali, scuole, cimiteri; la mappatura delle aree interessate. L’intervento adulticida, con prodotti a base di piretroidi, si svolgerà nella notte tra il 21 e il 22 settembre, e precisamente dalle 23.00 di venerdì 21 alle 6.00 di sabato 22 settembre. Nel caso in cui le condizioni atmosferiche siano in peggioramento l’intervento verrà rinviato alla notte successiva. Il Comune consiglia, a titolo precauzionale, ai cittadini che risiedono a confine con i parchi pubblici o con i viali alberati, di chiudere le finestre, di coprire gli orti a confine con il verde pubblico comunale e di ritirare i contenitori per cibo per animali. Il costo dell’intervento, che ammonta a circa 7000 euro, sarà anticipato dal Comune e successivamente rimborsato dalla Regione Veneto che lo ha richiesto. Si ricorda che per essere efficaci, i trattamenti devono essere accompagnati dalla collaborazione dei cittadini nel controllo e l'eliminazione dei focolai domestici e nelle aree scoperte private. Di seguito alcune indicazioni che il Comune ha voluto rivolgere alla cittadinanza: evitare l’abbandono di contenitori di qualsiasi natura e dimensione nei quali possa raccogliersi acqua piovana e qualsiasi raccolta d’acqua stagnante anche temporanea; trattare l’acqua presente in tombini, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, negli spazi di proprietà privata con prodotti di sicura efficacia larvicida, secondo le indicazioni riportate in etichetta; tenere sgombri i cortili e le aree aperte da erbacce da sterpi e rifiuti di ogni genere, e sistemarli in modo da evitare il ristagno delle acque meteoriche; provvedere nei cortili e nei terreni scoperti dei centri abitati, e nelle aree ad essi confinanti incolte od improduttive, al taglio periodico dell’erba; svuotare le fontane e le piscine non in esercizio o eseguire adeguati trattamenti larvicidi. Inoltre, poiché il virus è trasmesso dalla zanzara comune, le persone che svolgono attività al crepuscolo sono invitate a ricorrere a misure di protezione individuali, quali: stare il meno possibile all’aperto al tramonto e all’alba (quando le zanzare sono più attive), usare repellenti efficaci, indossare pantaloni lunghi e camicie con le maniche lunghe quando si è all'aperto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento