menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La chiesetta di San Gottardo in località Mura

La chiesetta di San Gottardo in località Mura

Il parroco "spegne" le campane della chiesetta: il vicesindaco insorge

Polemica insolita nella piccola frazione di Mura, a Cison di Valmarino. Botta e risposta tra don Adriano Sant e il vicesindaco Perenzin sulle campane della chiesa di San Gottardo

Le campane della suggestiva chiesetta di San Gottardo stanno facendo discutere gli abitanti della frazione di Mura a Cison di Valmarino. Nei giorni scorsi infatti il parroco don Adriano Sant avrebbe deciso di "silenziarle" scatenando le proteste di molti residenti.

A riportare l'insolita polemica è "La Tribuna di Treviso" che racconta come anche il vicesindaco di Cison, Loris Perenzin, residente proprio in località Mura non abbia gradito la decisione del parroco di spregnere il campanile della chiesa di San Gottardo e si sia fatto portavoce di un malcontento generale che da tempo serpeggiava tra i residenti. «Spegnere del tutto le campane a morto è un gesto inaccettabile» ha ichiarato il vicesindaco ma il parroco di Cison sembra irremovibile «Mura non è una parrocchia ma una frazione di Cison e lì le campane suonano sempre in maniera regolare». Apriti cielo: molti abitanti della piccola frazione non hanno preso benissimo le parole di don Adriano e hanno continuato a chiedere che le campane "a morto" vengano rimesse in funzione visto che il suono del campanile di Cison non arriva fino a Mura. Ora la speranza del vicesindaco è che il parroco torni il prima possibile sui suoi passi e riaccenda le campane restituendo a tutta la frazione e alla chiesetta di San Gottardo una tradizione non solo religiosa ma quasi identitaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento