Giovedì, 16 Settembre 2021
Attualità

Caporalato, le Acli di Treviso: "Si promuova un lavoro dignitoso per tutti"

Il presidente Alessandro Pierobon: "Dove sono, oggi, le persone 'liberate' dalla schiavitù del caporalato ma non integrate in alcun percorso di inclusione? Come si mantengono?"

"Lo sconcerto e lo sdegno per la notizia dell’inchiesta sullo sfruttamento del lavoro che ora sta coinvolgendo Grafica Veneta, ma che il mese scorso riguardava braccianti schiavizzati a Cessalto, deve necessariamente trasformarsi in conoscenza e consapevolezza. Eppure il tema ha già esaurito la notizia e non se ne trova quasi più traccia, il silenzio su questa piaga si rifà assordante". A dirlo Alessandro Pierobon, Presidente provinciale Acli Treviso.

"Chi opera a fianco dei lavoratori, nel presidio del territorio o nei progetti sociali di contrasto ad ogni forma di sfruttamento sa che non si tratta di casi isolati anche qui nel trevigiano e che il lavoro dignitoso per tutti è ancora un miraggio - continua Pierobon - Solo che, nella migliore delle ipotesi, si ritiene che questa piaga coinvola soprattutto gli occupati più o meno stagionali dell’agricoltura e il mondo del lavoro domestico. Invece, ora emerge inequivocabilmente che riguarda anche il personale di ditte che gestiscono servizi esternalizzati da parte d imprese, esercizi commerciali, trasporti, sanità, assistenza. Non siamo solo Rosarno, dunque, ma come va dicendo da parecchio anche il Network antitratta per il Veneto coinvolge realtà diverse, piccole e grandi".

"Un secondo aspetto vale la pena di essere approfondito: non è una casualità se ad essere coinvolte in forme di sfruttamento lavorativo sono soprattutto persone d’origine straniera, più “facilmente” ricattabili a vari livelli. La dimensione lavorativa è collegata al titolo di soggiorno in Italia e all’abitare, elementi per nulla secondari nella partita della permanenza nel nostro paese. E questo ci spinge a chiederci dove sono, oggi, le persone “liberate” dalla schiavitù del caporalato ma non integrate in alcun percorso di inclusione? Come si mantengono? Quali prospettive di lavoro dignitoso si aprono per loro?" chiosa Pierobon.

"E’ evidentemente molto complesso correggere questa drammatica stortura della nostra società, specie perché la presenza para-schiavistica di un sistema di sfruttamento del lavoro permette a tutti di godere di prestazioni, beni e servizi a costi meno esosi. Le azioni di contrasto e controllo sono tutte necessarie, le norme legislative vanno seriamente applicate. Nei tavoli preposti ci sono poi progetti di monitoraggio ed emersione - afferma il presidente Pierobon - Oltre a questo, però, servono percorsi e proposte di tutela delle vittime di sfruttamento lavorativo e una azione preventiva di ampia portata, che renda consapevoli tutti di una piaga che non possiamo più relegare solo ad alcune aree del Paese".

"Da ultimo per sollecitare le nostre comunità a non accettare passivamente che questi fatti continuino a succedere, smorzando le reazioni e cadendo velocemente nell’oblio, crediamo sia necessario trovare modi per tenere alta l’attenzione; per quel che starà a noi, il nostro impegno, come associazione e dentro alle reti cui partecipiamo, andrà nella direzione di promuovere percorsi di approfondimento e progettazioni che sempre più mirino a informare, prevenire, tutelare. Sul serio" conclude il presidente delle Acli provinciali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caporalato, le Acli di Treviso: "Si promuova un lavoro dignitoso per tutti"

TrevisoToday è in caricamento