Capriolo decapitato e lasciato a lato strada: «Opera di un cacciatore»

L'animale è stato trovato dietro un cespuglio a lato di Viale Italia nel Comune di Segusino. Si cerca il responsabile che ha mutilato il corpo dell'animale

Il capriolo decapitato (Foto di Giannantonio Coppe via Facebook)

Stanno suscitando sdegno e indignazione in Rete le immagini di un capriolo trovato con la testa mozzata nel bosco a lato di Viale Italia, nel Comune di Segusino. Vicino al depuratore del paese, appena dietro un cespuglio, l'animale è stato ritrovato dal proprietario del terreno che costeggia la strada. A far indignare i residenti il fatto che il corpo senza vita dell'animale sia stato abbandonato e nascosto in modo maldestro dopo la decapitazione.

«Ma gli hanno tagliato la testa per fare un trofeo? Che schifo di gente, non si gioca con nessuna vita» si legge tra i vari commenti sui social scaturiti dopo la pubblicazione delle immagini dell'animale decapitato. In un primo momento era circolata l'ipotesi che l'animale fosse stato investito e poi decapitato da un cacciatore ma sul fianco sinistro dell'animale è stato trovato il foro d'entrata di un proiettile. Possibile dunque che il cacciatore abbia tagliato la testa al capriolo dopo averlo abbattuto con il fucile. Immagini forti che tornano ad accendere la polemica sulla caccia in Veneto da parte dei vari comitati animalisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento