«M5S e Pdioti, una massa di c...»: assessore finisce nella bufera

Fabio Tirelli, membro della Giunta di Carbonera, attaccato dalle opposizioni per un commento su Facebook: «Volgare e a tratti razzista, non è degno di rappresentare la nostra comunità»

Lo screenshot "incriminato"

Ha pubblicamente insultato gli elettori di M5S e PD su Facebook e per questo motivo è finito sotto attacco delle opposizioni. A finire nel mirino è stato, nelle ultime ore, l'assessore all'urbanistica del Comune di Carbonera, Fabio Tirelli. Le minoranze hanno preso la palla al balzo per attaccare pesantemente la Giunta retta dal sindaco Federica Ortolan e ora ne chiedono la testa: «Volgare e a tratti razzista -scrivono in un comunicato- non è degno di rappresentare la nostra comunità».

«Tale posizione e tale uso volgare della lingua da parte di un rappresentante delle istituzioni è totalmente inaccettabile. Una gravissima mancanza di rispetto per gli avversari politici e di senso istituzionale, che oltretutto si colora dei tristi tratti del razzismo e dell’odio verso un altro popolo, quello nigeriano -affermano i membri del gruppo Impegno Civico Carbonera- Urlare nei social, anche se a titolo personale, è un atto pubblico a tutti gli effetti: un assessore, anche se non è eletto, lo dovrebbe ben capire bene, come dovrebbe saper comportarsi in ogni situazione. Si vergogni, non è degno di essere un amministratore di un comune come il nostro che del rispetto reciproco ha sempre fatto una bandiera».

«Non accettiamo che queste parole diventino la firma dell’amministrazione comunale di Carbonera, che così si macchia di volgarità e perde di quell’autorevolezza ed equità nei confronti di tutti i cittadini. Per questo -tutte le forze di opposizione in consiglio comunale, Impegno Civico Carbonera e SiAmo Carbonera- il sindaco prenda pubblicamente le distanze da questo tipo di comunicazione e provveda subito chiedendo le dimissioni dell'assessore».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«E' un attacco personale -spiega Fabio Tirelli a Trevisotoday- tutti sanno che posso essere qualunque cosa ma non razzista. Non sono contro gli interventi politici ma contro le politiche di immigrazioni fatti finora e contro gli accordi fatti con l'Unione Europea. Facevo riferimento a francesi e tedeschi che misero il diktat che volevano inizialmente solo siriani. Il riferimento rivolto ai nigeriani è motivata perchè la mafia nigeriana anche da noi sta iniziando a mettere radici. Io sono contro i buonisti e non la sinistra: se vogliamo salvare le persone i metodi sono ben differenti. Quanto all'accusa di volgarità.. io sono una persona garbata, ho usato questo termine perchè il contenitore era molto volgare e oggettivamente, la parola vuol dire sciocco. Quella dell'opposizione è stata una mossa pretestuosa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento