Attualità

Carenza dei medici di base: l'Ulss recluta sostituti provvisori

Nel frattempo, per fronteggiare i nuovi pensionamenti, l'azienda sanitaria ha anche provveduto alla richiesta di aumento dei massimali dei medici, mentre la collaborazione con la Medicina Generale ha contribuito ad assicurare la copertura dei turni di Continuità Assistenziale

In occasione della riunione della Conferenza dei Sindaci dell'Azienda Ulss 2 Marca trevigiana tenutasi oggi, è stato condiviso con le Amministrazioni comunali un aggiornamento circa l'Assistenza medica sul territorio, rispetto al primo incontro tenutosi il 16 luglio. In particolare per quanto riguarda la Medicina Generale, è stata rappresentata l'attuale situazione delle assegnazioni delle zone carenti 2021, avvenute nel mese di agosto. L'iter di assegnazione proseguirà ora con i seguenti step:

1) procedura di offerta delle zone a livello nazionale
2) procedura di offerta delle zone residue ai medici frequentanti la scuola di formazione in medicina generale.

Nel frattempo, per fronteggiare i nuovi pensionamenti, l’Ulss 2 ha provveduto alla richiesta di aumento dei massimali dei medici ed al reclutamento di incaricati provvisori. La collaborazione con la Medicina Generale ha altresì contribuito ad assicurare la copertura dei turni di Continuità Assistenziale. Per far fronte alla problematica della carenza di medici, che è di carattere generale e si teme di non breve superamento, è comunque in corso di elaborazione una progettualità, in sinergia con le Amministrazioni comunali, volta ad ampliare l'offerta assistenziale a favore dei cittadini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza dei medici di base: l'Ulss recluta sostituti provvisori

TrevisoToday è in caricamento