rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità Casier

Casier, 5mila metri quadri di area verde seminati a fiori per le api

Alla cerimonia della semina hanno assistito i piccoli alunni dell’Istituto Comprensivo, cui il Sindaco Renzo Carraretto ha mostrato «come si seminava una volta”

Una miscela composta da semi di 5 trifogli, erba medica, ginestrino, sulla, lupinella, senape bianca, meliloto bianco e giallo, facelia, grano saraceno e lino è stata seminata questa mattina in un’area di 5mila metri quadri a Dosson. Obiettivo, il primo prato per le api nel territorio comunale, come promesso il 20 maggio dell’anno scorso, Giornata Mondiale delle Api, con delibera di giunta comunale n. 63. In quella data, Casier ha aderito all’iniziativa “CooBEEration Campaign - Apicoltura bene comune” diventando ufficialmente Comune amico delle Api, con l’impegno a sostenere lo sviluppo delle attività apistiche in maniera diffusa sul territorio, come opportunità di reddito e inclusione sociale, includendo e incrementando nella pianificazione del verde pubblico la coltivazione di specie vegetali gradite alle api.

In Europa le api sono una specie protetta. Dal 2004 in Italia esiste la legge n. 313 “disciplina dell’apicoltura” a tutela delle api da miele, che vieta di effettuare interventi di disinfestazione contro le api e i loro nidi. Eventuali alveari insediatasi nei luoghi abitati, possono essere prelevati solo da apicoltori autorizzati. Grazie all’impollinazione, le api garantiscono lo sviluppo del 75% dei prodotti nella catena alimentare. Alla cerimonia della semina hanno assistito i piccoli alunni dell’Istituto Comprensivo, cui il Sindaco Renzo Carraretto ha mostrato «come si seminava una volta».  

5-10-5

«Parlare di api significa parlare di ambiente, tema molto sentito e di primaria importanza per l’amministrazione del comune di Casier”, ha spiegato Carraretto. «Già nel regolamento comunale sull’uso dei prodotti fitosanitari abbiamo inserito un articolo esclusivamente per la tutela delle api e degli insetti impollinatori, poi abbiamo voluto fare un ulteriore passo per la salvaguardia di questo importantissimo insetto nella giornata del 20 maggio scorso, celebrando questi piccoli ma instancabili impollinatori fondamentali per il nostro ecosistema, aderendo all’iniziativa “apicoltura bene comune” diventando così ufficialmente un comune amico delle api».

«Con questo passaggio importante ci impegniamo a sostenere l’attività delle api nei parchi e nei giardini pubblici del nostro territorio”, ha spiegato il Vicesindaco con delega all’Ambiente Andrea Marton.  «L’auspicio e l’obiettivo del comune di Casier, con il coinvolgimento di tutta la cittadinanza, è valorizzare l’apicoltura non solo per la salvaguardia della biodiversità e della sicurezza alimentare, ma anche come opportunità di sviluppo economico sostenibile del territorio. La vera sfida, tuttavia, è proteggere l’apicoltura da tutti quei cambiamenti climatici che interferiscono e minacciano l’esistenza delle api, agendo e interagendo con l’ambiente, allo scopo di salvaguardarne il ruolo fondamentale».

6-14-4

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casier, 5mila metri quadri di area verde seminati a fiori per le api

TrevisoToday è in caricamento