Covid e assistenza a disabili e anziani: obbligatorio il tampone rinofaringeo

A Casier tutte le persone che che svolgono attività di assistenza, e che sono rientrati dall'estero negli ultimi 14 giorni, dovranno sottoporsi al test per il Coronavirus

Come da indicazioni regionali, per tutte le persone che svolgono attività di assistenza ad anziani e disabili rientrati dall'estero negli ultimi 14 giorni, è prevista l'esecuzione del tampone rinofaringeo. Il tampone può essere richiesto direttamente dal medico di famiglia con ricetta DEMA e codice di esenzione 5G1, dando indicazioni di astenersi dall'attività di assistenza/badante fino ad esito negativo del test.

Il personale addetto all'assistenza, così come tutte le persone rientrate dall'estero, a esclusione dai Paesi della UE, quelli del patto Schengen e da alcuni altri (si veda il DPCM 11 giugno 2020 e Decreto Ministero Salute 3 Luglio 2020, riassunti nella nota allegata del Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Servizio Igiene e sanità Pubblica) hanno l'obbligo di segnalare il rientro al Dipartimento di Prevenzione e l’obbligo della permanenza domiciliare fiduciaria (quarantena) per 14 giorni. Al termine della quarantena, non è prevista l’esecuzione del tampone. Per comunicare il rientro dall’estero al Dipartimento di Prevenzione si dovrà telefonare al numero di telefono 0422.323888, attivo dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 16 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo coronavirus.sisp@aulss2.veneto.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento