Sartoria di Castelfranco dona mascherine al personale della Regione Veneto

La bella iniziativa di "La Sartoria di Lizabeth" di Castelfranco Veneto, Lisa e Valentina Murarotto

Donazzan nella sartoria di Lizabeth

L’assessore regionale al lavoro del Veneto Elena Donazzan ha incontrato le titolari de "La Sartoria di Lizabeth" di Castelfranco Veneto, Lisa e Valentina Murarotto, che hanno donato una fornitura di mascherine riutilizzabili, di loro produzione, per il personale dell’Area Capitale umano, cultura e programmazione comunitaria della Regione del Veneto.

«Ho voluto ringraziare di persona Lisa e Valentina Murarotto per questa loro donazione nei confronti di una struttura che ha lavorato e sta lavorando duramente per garantire l’erogazione delle misure a sostegno dei lavoratori veneti colpiti da questa emergenza e della formazione professionale -ha spiegato Donazzan- Le sorelle Murarotto, da anni a Castelfranco Veneto con un negozio di capi di abbigliamento, da loro ideati e realizzati a mano con tessuti di alta qualità prodotti in Italia, stanno scontando tutte le difficoltà create dalla chiusura forzata. Ma non si sono perse d’animo e hanno riconvertito la loro attività, quella del bello e del ben fatto, alla produzione di mascherine e camici lavabili e riutilizzabili, guardando alla ripartenza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mascherine filtranti ed i camici prodotti da La Sartoria di Lizabeth, in collaborazione con la M1 di Renato Murarotto, sono certificati secondo le norme del Ministero della Salute, riutilizzabili e lavabili con acqua e disinfettanti, alcool o candeggina. «Unica amarezza, in una Castelfranco Veneto che si appresta a ritornare alla normalità, è stata vedere quest’unica attività chiusa in una piazzetta affollata di passanti – commenta l’assessore-  Questa è la riprova dell’insensatezza di chiusure basate sui codici ATECO, ma anche della necessità di un atto di coraggio da parte di questo governo per un’immediata riapertura del commercio al dettaglio e dei servizi alla persona».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Tragedia in A27: perde il carico, scende a recuperarlo ma viene travolto

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Malore fatale, operaio trovato morto in casa a 42 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento