Attualità Castelfranco Veneto

Il Covid-19 ricompare nelle Rsa della Marca: mini-cluster alla "Sartor"

Quindici positivi nella settimana di Ferragosto con una decina che si sono già negativizzati. Il presidente del Centro Sartor, Maurizio Trento: «La maggior parte degli ospiti è stata asintomatica è solo pochi hanno manifestato sintomi non preoccupanti, a testimonianza dell’efficacia del vaccino». Altri casi nelle case di riposo di San Polo e Oderzo

La casa di riposo Sartor di Castelfranco Veneto

Il Covid-19 ha fatto la sua ricomparsa nelle case di riposo della Marca. Qualche giorno fa un piccolo focolaio è stato registrato al Centro Sartor di Castelfranco Veneto: 15 positivi, dieci dei quali si sono negativizzati nell'arco di un paio di settimane. Altri piccoli cluster si sono registrati a villa Vittoria a San Polo di Piave mentre alla Simonetti di Oderzo un operatore positivo è attualmente in isolamento.

«La settimana di Ferragosto durante i controlli periodici sono emerse 15 positività di ospiti della struttura. Subito è scattato il protocollo e abbiamo isolato i positivi nel nucleo covid costituito nel centro diurno, separato dal resto della struttura, in stretto contatto con la task force dell’Ulss 2. Abbiamo dunque sospeso precauzionalmente le visite e avvisato i famigliari -spiega il presidente del Centro Sartor, Maurizio Trento- la maggior parte degli ospiti è stata asintomatica è solo pochi hanno manifestato sintomi non preoccupanti, a testimonianza dell’efficacia del vaccino. Oggi abbiamo effettuato il tampone di controllo già 10 su 15 ospiti si sono negativizzati e domani rientreranno in struttura, confidiamo che nei prossimi giorni si negativizzino anche gli ultimi così da poter riprendere le normali attività. Ringraziamo l’Ulss2 per la collaborazione e i dipendenti del Sartor per la professionalità dimostrata».

Focolaio alla Macello Pellizzari Carni

Un piccolo cluster di positivi al Covid-19 è stato scoperto al macello Pellizzari Carni dei fratelli Pellizzari di Loria. Si tratta di sette lavoratori marocchini che si trovano ora in isolamento: tutti sarebbero di recente rientrati in Italia dopo un periodo di ferie nel Paese d'origine. Lo screening è scattato dopo alcuni sintomi accusati da un gruppo di lavoratori. La ditta ha già provveduto alla completa sanificazione degli ambienti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Covid-19 ricompare nelle Rsa della Marca: mini-cluster alla "Sartor"

TrevisoToday è in caricamento