Centro di accoglienza notturna in via Pasubio: il Comune cede i locali alla Caritas

La Caritas Tarvisina avrà la gestione dell’immobile nei mesi di aprile e maggio e si occuperà dell'accoglienza notturna delle persone senza fissa dimora o in difficoltà

Senzatetto in strada (Foto d'archivio)

È stata approvata dalla Giunta Comunale la concessione in comodato d’uso alla Caritas Tarvisina – Diocesi di Treviso di parte dell’immobile di proprietà comunale situato in via Pasubio 17 (ex scuola elementare “Marconi”) per la temporanea accoglienza notturna di persone in situazione di grave marginalità sociale e di senza fissa dimora gravitanti nel territorio comunale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente, e fino al 31 marzo, la gestione è affidata alla cooperativa LaEsse in virtù di un bando vinto. Grazie alla disponibilità di Caritas, i locali del piano terra di via Pasubio continueranno quindi ad ospitare l’asilo notturno per i mesi di aprile e maggio, in attesa che il comune bandisca l’avviso pubblico per la gestione dei mesi estivi tramite l’utilizzo di fondi stanziati dalla Regione Veneto per la grave marginalità. La Caritas Tarvisina, che aveva manifestato la disponibilità a gestire il servizio di accoglienza con modalità già sperimentate negli anni passati, ha trovato la disponibilità dell’amministrazione, che ha così valutato positivamente la proposta e disposto la formalizzazione di un accordo tra le parti per il periodo fra il 1 aprile e il 31 maggio. Il Comune di Treviso sosterrà gli oneri relativi a: lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’immobile concesso e dei relativi impianti, spese per le utenze e spese per la conduzione dell’impianto termico e dei relativi adempimenti di legge. La Caritas Tarvisina, invece, si occuperà dell’ordinaria gestione dell’immobile, delle pulizie e della piccola manutenzione ordinaria dei locali interni e dell’area esterna di pertinenza recintata oltreché della guardiania dell’immobile e della stipula di idonee polizze assicurative.«Questo accordo rappresenta un segnale importante da parte dell’amministrazione, che vuole continuare a garantire un primo rifugio alle persone che si trovano in un momento di grave difficoltà - afferma l’assessore alle Politiche Sociali Gloria Tessarolo - La Caritas Tarvisina ha sempre lavorato bene nel territorio, una collaborazione quella con il Comune di Treviso, che prosegue il per il bene di chi vive in uno stato di forte marginalità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento