Treviso riapre il centro accoglienza per donne vittime di violenza

L’accesso è stato adeguato alle misure di sicurezza sanitaria. Il servizio, attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, torna così a fornire un supporto operativo a chi è in difficoltà

Dopo una breve sospensione del servizio per consentire all'ente gestore di adeguare l'accoglienza alle misure di sicurezza sanitaria richieste per affrontare l’emergenza Coronavirus, è di nuovo attivo il dispositivo di Pronta Accoglienza per donne vittime di violenza a Treviso. 

Grazie all'impegno dei servizi sociali del Comune, di Domus Nostra e Cooperativa La Esse ATI che ha in gestione i servizi Casa Rifugio per donne vittime di violenza "CasaLuna" e Pronta Accoglienza, si è riusciti in tempi record ad allestire degli spazi idonei ad accogliere in tutta sicurezza le donne e i minori in situazioni di alto rischio che necessitano di un allontanamento immediato dalla loro abitazione. Il servizio, attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, torna così a fornire un supporto operativo a Forze di Polizia, Centri Antiviolenza, Pronto Soccorso, Servizi Sociali dei Comuni e Consultori Familiari che accolgono le richieste di aiuto e possono attivare la procedura di accoglienza. Le donne che hanno bisogno di aiuto possono contattare il numero nazionale 1522, che ora è accessibile anche da un'applicazione scaricabile su smartphone o il Centro Antiviolenza di Treviso 0422. 583022 (numero attivo tutti i giorni 24 ore su 24)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento