menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cerimonia del Centenario a Col San Martino: presenti tantissimi studenti

Si è reso omaggio ai caduti con l’alzabandiera accompagnato dall’Inno d’Italia e dalla “Leggenda del Piave” intonati dagli alunni

Anche la scuola primaria “Gianni Rodari” di Col San Martino ha risposto “presente” alle celebrazioni per il centenario del Primo Conflitto Mondiale. Il progetto didattico “Grande Guerra” era iniziato nell’anno scolastico 2015-16 ,con l’uscita di tutti gli alunni all’Isola dei Morti di Moriago, per conoscere uno dei luoghi più significativi del conflitto che ha visto protagonista il Fiume Sacro. È stato ripreso quest’anno, nel centenario che ricorda la Vittoria, in collaborazione con Mattia Perencin e Massimiliano Guglielmi, autori del libro “I caduti della Grande Guerra di Farra di Soligo”. Gli autori sono intervenuti in tutte le classi con proiezioni, racconti e mostrando il vestiario dei soldati, suscitando notevole interesse e curiosità.

Sabato si è svolta la commemorazione dei soldati di Col San Martino eroicamente caduti, con una cerimonia alla presenza del Dirigente Scolastico e delle autorità civili. Presso il monumento, nel piazzale della chiesa, si è reso omaggio ai caduti con l’alzabandiera accompagnato dall’Inno d’Italia e dalla “Leggenda del Piave” intonati dagli alunni. A sorpresa nonno Aldo Facci ha sorvolato la manifestazione lanciando dall’aereo bandierine tricolore. Successivamente, in corteo ordinato, i bambini, insieme alle autorità e alla popolazione, hanno raggiunto il Viale della Rimembranza che porta al cimitero, dove, dopo il “ Silenzio” suonato dagli Alpini, hanno posto una coccarda tricolore davanti ad ognuna delle 82 stele che riportano i nomi dei soldati.

Di fronte all’antica torre campanaria hanno intonato il canto “Era una notte che pioveva”, per ricordare le difficoltà sopportate sulle asperità delle montagne. La commemorazione è proseguita con la lettura di un fatto di guerra accaduto in prossimità del torrente Raboso, durante l’invasione nemica, che ha visto un gesto di fratellanza fra nemici: un italiano e un tedesco. La benedizione di un ulivo, come simbolo di pace, messo a dimora in questa circostanza, ed il canto “Inno alla vita”, come augurio di speranza per un futuro senza più guerre, hanno concluso la cerimonia patriottica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento