Caduta massi: chiuso nella notte il passo San Boldo

Circolazione interdetta anche lungo la strada provinciale 635 che sale da Cison di Valmarino. Il passo è stato riaperto nella mattinata di giovedì 14 gennaio

Un masso caduto

A seguito di una segnalazione dei carabinieri di Cison di Valmarino per caduta di massi sulla Provinciale 635 “del San Boldo” che da Cison sale verso il Passo San Boldo, la Provincia di Treviso ha subito effettuato un sopralluogo in emergenza ieri verso le 20.30 e chiuso il transito del Passo San Boldo per questioni di sicurezza. I tecnici della Provincia hanno lavorato ieri notte per sistemare parte della strada e sono al lavoro da questa mattina per verificare lo stato di sicurezza della carreggiata, dato che il movimento dei massi ancora non si è fermato.

La caduta potrebbe essere stata determinata dalla presenza di neve e ghiaccio o dallo smottamento per passaggio di fauna selvatica. Le squadre della Provincia sono al lavoro per ripristinare quanto più possibile la viabilità istituendo inizialmente un senso unico alternato della circolazione. Nella tarda mattinata di giovedì la strada è stata pulita e messa in sicurezza dalla Provincia ed è completamente fruibile. La Provinciale sarà oggetto di frequenti monitoraggio e sarà anche rinforzata la segnaletica presente.

boldo2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

Torna su
TrevisoToday è in caricamento