menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Claris Leasing, stato di agitazione e mobilitazione a tempo indeterminato

La denuncia della Cisl: Cisl Belluno Treviso, «Si è tornati a modalità e comportamenti vessatori verso dignitosi e onesti lavoratori solo perché hanno avuto l’ardire di rivolgersi a soggetti istituzionali preposti al rispetto delle leggi sul lavoro»

Dopo mesi di incertezze e timori, la vendita della Claris Leasing spa - passata da Veneto Banca in Liquidazione Coatta Amministrativa al Gruppo Cassa Centrale Banca - sembrava potesse rappresentare un punto di svolta per la gestione e le prospettive delle lavoratrici e dei lavoratori dell’azienda. Invece, dopo un primo periodo di quiete immediatamente successivo all’acquisizione perfezionata alla fine del mese di agosto, alla Claris Leasing, spiega Massimiliano Paglini, segretario generale della First Cisl Belluno Treviso, «si è tornati a modalità e comportamenti vessatori verso dignitosi e onesti lavoratori solo perché hanno avuto l’ardire di rivolgersi a soggetti istituzionali preposti al rispetto delle leggi sul lavoro, pensando di essere nel moderno e democratico anno 2018, epoca in cui le tutele e i diritti dei lavoratori e dei loro rappresentanti sindacali dovrebbero essere preservati da un impianto di regole costruito faticosamente dal Dopoguerra in poi».

«L’azienda - spiega Paglini - negli ultimi mesi ha messo in atto inaccettabili comportamenti intimidatori nei confronti di lavoratori e rappresentanti sindacali. Abbiamo diffidato la direzione generale di Claris Leasing e messo a conoscenza dei fatti anche la Cassa Centrale Banca e abbiamo dichiarato lo stato di agitazione e mobilitazione permanente delle lavoratrici e dei lavoratori riservandoci ulteriori azioni a tutela della dignità e dei diritti di chi non ha voce. Ci dichiariamo indisponibili alla sudditanza servile appartenente all’epoca delle ferriere di ottocentesca memoria».

«Inoltre – conclude Paglini – le maestranze, a causa della cancellazione dell’adesione di Claris Leasing all’Associazione Bancaria Italiana (Abi) avvenuta il 31 dicembre 2017, vivono una forte incertezza rispetto alla contrattazione collettiva di riferimento loro applicata. Avevamo chiesto a Claris Leasing e alla nuova proprietà un incontro per chiarire eventuali ricadute sui dipendenti a seguito dell’acquisizione e dopo un mese e mezzo siamo ancora in attesa. Da qui la decisione di diffidare l’azienda e di proclamare lo stato di agitazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento