Domenica, 13 Giugno 2021
Attualità

I carabinieri bloccano la protesta dei commercianti, il sindaco: «Vanno puniti»

Claudio Sartor, primo cittadino di Cornuda, ha annunciato di voler chiedere sanzioni e provvedimenti per i carabinieri intervenuti domenica 3 maggio davanti al municipio del paese

Il sindaco Claudio Sartor (Foto tratta dal suo profilo Facebook)

Polemica di fuoco a Cornuda dove, dopo la manifestazione dei commercianti interrotta dai carabinieri di Crocetta del Montello domenica 3 maggio, il sindaco Claudio Sartor ha chiesto che i militari intervenuti vengano sanzionati per il loro comportamento.

Già nel pomeriggio di domenica il primo cittadino aveva tuonato la sua indignazione dal suo profilo Facebook scrivendo: «Mai avrei pensato di essere zittito o di subire atteggiamenti intimidatori durante l’espletamento della mia carica di sindaco da parte di una persona in divisa. Come non avrei mai creduto che nel mio paese una piccola manifestazione venisse contrastata in questo modo. Una sommatoria tra smania di protagonismo e incapacità di valutare l’evento». Questa mattina, lunedì 4 maggio, raggiunto dai nostri microfoni il primo cittadino di Cornuda ha rincarato la dose: «Prima di tutto la manifestazione di domenica era stata organizzata dai commercianti del paese e non dal Comune - esordisce Sartor - Avendo scelto il municipio come luogo di ritrovo, ho volentieri prestato loro un microfono visto che mi trovavo in municipio per lavoro. Dopo pochi minuti però dall'inizio della manifestazione pacifica i commercianti sono stati bloccati dall'arrivo dei carabinieri di Crocetta del Montello che mi hanno zittito e intimato con modi burberi e inaccettabili di sospendere la protesta in corso. Scriverò di sicuro alla magistratura perché questi carabinieri vengano sanzionati per il loro comportamento. Non mi risulta che la manifestazione di Cornuda fosse diversa dalle altre che si sono svolte regolarmente domenica in molti Comuni della Marca. Al di là del fatto se sia stato giusto o meno sospendere il sit in di protesta davanti al municipio sono stati proprio i metodi usati dai carabinieri che non vanno bene - ha aggiunto il sindaco - son convinto che se fossero intervenuti i carabinieri di Cornuda e non quelli di un altro paese tutto questo non sarebbe successo - afferma Sartor - Spero vengano presi provvedimenti al più presto».

WhatsApp Image 2020-05-04 at 11.46.03-2

Il sindaco contro l'ex senatrice Puppato: «La querelo»

Claudio Sartor ha replicato con toni altrettanto duri alle parole dell'ex senatrice del Partito Democratico, nonché ex sindaco di Montebelluna, Laura Puppato. «Sto valutando di querelare l'ex senatrice Puppato per le sue dichiarazioni su quanto avvenuto ieri a Cornuda. Ci sono foto e video che testimoniano l'intervento dei carabinieri. Io non ho mai inveito contro lo Stato, semmai ho criticato la task force dedicata all'emergenza Coronavirus ma mi sembra un'opinione del tutto ragionevole - afferma Sartor - Consiglio all'ex sindaco Puppato di occuparsi di cose più serie e non intromettersi nelle vicende di Cornuda visto che le è sempre andata male. Non a caso non è nemmeno stata rieletta sindaco nel suo Comune. Valuterò azioni legali per rispondere alle sue accuse».

WhatsApp Image 2020-05-04 at 11.46.03 (1)-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri bloccano la protesta dei commercianti, il sindaco: «Vanno puniti»

TrevisoToday è in caricamento